Utente 327XXX
Buona sera, scrivo per mia madre, età 81 anni, da circa 10 anni ha il colesterolo totale 273, hdl 80 il resto tutto ok il cardiologo dice che cuore non presenta problemi i sovraortici hanno sono un'occlusione del 40% e mi ha detto che si opera quando si è al 70%, pertanto le è stata data la cardioaspirina e controlli annui che risultano invariati.
Il problema riscontrato da mia madre è che da circa 1 anno ha parecchi battiti 85 e la pressione passa da 110/65 a 170/85-90, lei dice che sente il cuore e che alle volte le perde colpi. La nostra dottoressa le ha prescritto una compressa di bisoprololo 1,25 mg solo che le prime volte che le ho dato il farmaco i battiti sono scesi tantissimo ho preso una paura 40 spossata pressione 100 max 55 min.
I battiti ovviamente non li sente più ma non puo' non alzarsi dal letto allora ho provato a dividerla e siamo arrivate a 1/4 della pastiglia così sembra bene i battiti si sono abbassati la pressione continua ad avere dei picchi che arrivano a 150/70, (raramente)165/80. Il mio problema è in primo luogo dividere la pastiglia in 4 poi ho letto che non va fatto assolutamente e la mia dottoressa che dice che impossibile che la dose da 1.25 la stenda.
Vi prego mi date dei consigli su come comportarmi.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L eta della paziente induce alla prudenza con i farmaci
Innanzi tutto 85 battiti al minuto non rappresentano una tachicardia, in secondo luogo tenga presente che la rigidita vascolare legata all eta produce valori pressori elevati che variano proprio a sexonda della frequenza.
Il beta bloccante non è il farmaco ideale per l anziano : per il controllo dei valori pressori si preferiscono ace inibitori o calcio antagonisti .
Arrivedeci
[#2] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la tempestività nella risposta, le chiedo se ritiene possibile che una dose così bassa di beta bloccante possa influire sull'andamento pressorio e dei battiti e se la sua eventuale sospensione possa causare problemi particolari.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
il beta bloccante ovviamente influisce sui valori pressori, specie a dosaggio cosi.."pediatrici"

Cordialita'

cecchini
[#4] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2013
Mi scusi l'ignoranza ho capito bene, una dose così bassa che lei definisce dosaggio pediatrico influisce più della dose prescritta di 1,25 mg?
Grazie per la tempestività nelle risposte.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei ha scritto che la paziente assume 1\4 di cpr da 1,25 mg che e' un dosaggio per una essere umano di circa 15 kg, cioe un bambino appunto.
La saluto
[#6] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2013
Mi scusi l'ignoranza ho capito bene, una dose così bassa che lei definisce dosaggio pediatrico influisce più della dose prescritta di 1,25 mg?
Grazie per la tempestività nelle risposte.