Utente 256XXX
Gentili dottori, mi sono uscite delle macchie di colore nero intenso che assomiglia a delle macchie di smalto x le unghia al lato esterno di due molari. Non so se potrebbe essere dato dal fatto che più di un anno fa ho tolto l apparecchio fisso oppure se dipende da qualche altra patologia. Da cosa potrebbe dipendere secondo voi? Inoltre vorrei sapere se posso praticare rapporti orali al mio ragazzo o se conviene astenersi per l eventuale presenza di batteri che potrebbero intaccarne le vie urinarie. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Paolo De Carli
28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012

Solo con una visita dal suo dentista di fiducia potrà chiarire la causa delle "macchie" perchè online noi non possiamo saperlo.

Riguardo al sesso orale, se il suo ragazzo è d'accordo, non vedo problemi.
[#2] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
le macchie neraste al margine gengivale possono ricondursi alla produzione di un pigmento da parte del bacteroides melaninogenicus, un germe, che se presente, può essere responsabile di patologie del cavo orale, e quindi il consiglio di una visita dentisica, mentre non appare allo stato trasmissibile alle mucose ed alle vie urinarie del partner.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Il pigmento nero, come le hanno già scritto i miei colleghi, è verosimolmente un innoquo battere della categoria degli actinomices, a comportamento fungino.
INNOQUO!

Le dirò di più:
SE c'è questo battere, non c'è in genere lo streptococco mutans, co-responsabile della carie dentale.
In sostanza è in una certa misura più resistente all'insorgere della carie, cosa peraltro comunemente rilevata dai dentisti.

Non è un invito a non lavarsi i denti, tanto è protetta, non mi fraintenda...

Per il resto non vedo nessun impedimento, a causa di questo battere, all'espressione di una libera sessualità.
.
[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
dei colleghi del forum, molto attenti all'espressione formale, mi hanno fatto notare il mio (ripetuto) errore di ortografia.
Innocuo si scrive con la "C" e non con la "Q".

Ammetto senza problemi, in forma pubblica, alcune lacune ortografiche.

Non si può essere, daltronde, "imparati" in tutto.
[#5] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Gentili dottori, vi ringrazio per le vostre precise risposte. Vorrei pero chiedere in particolare al dottor Ponzi che mi ha spiegato che la presenza di questo batterio puo significare la presenza di una patologia al cavo orale. Quali patologie potrebbero essere? Quando andro dal mio dentista, dovra dare solo un occhiata o darmi qualche cura? Cosa mi farà? La prego di rispondermi in modo piu approfondito possibile, aspetta la sua risposta. Grazie
[#6] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Gentili dottori, vi ringrazio per le vostre precise risposte. Vorrei però chiedere in particolare al dottor Ponzi che mi ha spiegato che la presenza di questo batterio può significare la presenza di una patologia al cavo orale. Quali patologie potrebbero essere? Quando andrò dal mio dentista, dovrà dare solo un occhiata o darmi qualche cura? Cosa mi farà? La prego di rispondermi in modo più approfondito possibile, aspetta la sua risposta. Grazie
[#7] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
la presenza delle macchie, che rivela la presenza di questo germe, in sé non deve suscitare preoccupazione, ma, il suo controllo (attraverso metodiche di igiene domiciliare e professionale) può essere importante nel corso della vita poiché il germe è patogeno cioè in grado di provocare malattie parodontali o ascessi endodontici.
In sostanza, quando vede che le macchie si stanno riformando e l'igiene non basta consulti il dentista per una igiene professionale.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Grazie x la sua chiara risposta. Andrò al più presto dal mio dentista.
[#9] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente, penso che debba darle una risposta più completa.

La cavità orale è un ecosistema complesso.
E' caratterizzata inoltre da un'elevata dinamicità dovuta alla continua eliminazione ed introduzione di batteri e alimenti.
Esiste una popolazione batterica residente, ma non deve sorprendere il fatto di ritrovarvi altri batteri "restranei".

I fattori più importanti che influenzano l'ecosistema orale sono: la presenza della placca, l'igiene orale, i trattamenti odontostomatologici, le condizioni fisiche personali, ed infine la dieta alimentare, che varia inoltre il grado di acidità della saliva (PH).

L'ambiente orale è formato dalle labbra, guance, palato, denti e solco gengivale.
I microorganismi sono Protozoi, Miceti, Virus, ma i dominatori in termini numerici sono i Batteri.

In INDIVIDUI SANI sono normalmente presenti queste specie batteriche:

Gram +
Actinomyces
Arachnia
Bacterionema
Bifidobacterium
Lactobacillus
Micrococcus
Peptostreptococcus
Propionibacterium
Rothia
Streptococcus
Treponema

Gram -
Actinobacillus
Bacteroides
Capnocytophaga
Eikenella
Fusobacterium
Haemophilus
Leptotrichia
Moraxella
Neisseria
Selenomonas
Simonsiella
Veillonella
Wolinella


Una patologia orale NON NASCE da una unica causa, ma dalla presenza di diversi fattori, e i batteri sono solo uno di questi e, ad essere onesti, neppure il più importante.

La presenza del pigmento nero, IN SOGGETTI SANI, è indice della presenza un pò più forte di alcune delle specie batteriche sopra elencate, e di qualche altra ancora, ma NON E' ASSOLUTAMENTE INDICE DI RISCHIO di qualche patologia.

OGNI GERME che in termini tecnici, chiamiamo "saprofiti", ovvero comuni commensali della "mensa" che è il cavo orale, è potenzialmente patogeno.
Ma è anche indispensabile alla salute del cavo orale stesso.

Le faccio un esempio per immagini:
Se la bocca è piena di batteri "non cattivi", non c'è spazio se arrivano batteri "delinquenti".
Vengono facilmente sopraffatti per numero.
Ma se la quantità di batteri normalmente presenti è scarsa, gli aggressori cattivi possono insediarsi e, in concomitanza con altri fattori (e SOLO in concomitanza con altri fattori) possono dare malattia.

I batteri che producono macchie nere non fanno parte assolutamente dei "batteri delinquenti", ma anche se normalmente sono poco presenti nel cavo orale, a parte quel nero NON DANNO PROBLEMI.

Se invece ci fosse una gengivite concomitante, che origina da ALTRE cause e non certamente da QUEI batteri, anche QUEI batteri, insieme a tanti altri, possono dare problemi.

In ultima analisi: faccia togliere quelle macchie nere, poi le faccia ritogliere quando si riformano, e le faccia ritogliere ancora.
E pensi che più sono presenti batteri saprofiti (COME QUELLO), meno streptococco mutans c'è (quello co-responsabile della carie).

In estrema sintesi: non si preoccupi assolutamente di questi batteri "che sporcano di nero", NON PROVOCANO né malattia paradontale né tantomeno ascessi endodontici, che invece sono causati dall'approfondimento della carie fino alla polpa dentaria.

Spero di averle dato elementi utili per poter riconoscere, su internet, le perle dalla spazzatura mediatica.






[#10] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Grazie tante per la sua completa ed esauriente risposta.. Adesso sono più tranquilla..grazie tante