Utente 327XXX
Salve, sono in procinto di riprendere dopo un anno di vita sedentaria un attività sportiva. anni fa mi dedicavo allo spinning, che credo sia piuttosto impegnativo per l'apparato cardiorespiratorio, per alcuni anni. Smisi perchè negli ultimi tempi dopo la lezione, nella fase di defaticamento ebbi delle leggere sensazioni sgradevoli, come se fossero delle extrasistole. Nel dubbio lasciai perdere. Mi sono dedicato poi ad attività più leggere come allenamento con i pesi, cardio, ma il tutto senza controlli (ad esempio, il tappeto che usavamo per il cardio dava valori sballati ad esempio 35 bpm sotto sforzo...e subito dopo 230... chiaramente inaffidabile) e soprattutto senza visita medica. All'atto di iscrivermi per riprendere con lo spinning, mi è stato detto che non è più necessario alcun certificato di idoneità... invece obbligano a firmare una clausola all'atto dell'iscrizione che libera la palestra da ogni eventuale strascico legale in caso di incidente. Sinceramente sono rimasto un pò stupito. Ora, essendo anche un pò ansioso, oltre a cercare una palestra un pò più seria, mi consigliate quindi di procedere per mio conto e per mia tranquillità a un esame cardiologico prima di praticare sport? basta una semplice visita o è consigliabile un test da sforzo? aggiungo che il primo e ultimo test da sforzo in vita mia lo feci circa 18anni fa per un concorso militare con risultati decenti e l'ultima visita cardiologica alcuni anni fa con auscultazione e eco (credo fosse eco, il sensore sul petto col gel e le immagini allo schermo... vogliate scusare l'ignoranza...) anche in questo caso con esito positivo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente
lei deve eseguire prima di iniziare l'attività sportiva una stratificazione cardiologica preliminare con visita ed ECG e preferibilmente un ECOcardiogramma.
Successivamente è bene eseguire un controllo clinico annuale.
Cordialità