Utente 287XXX
buongiorno carissimi dottori spero possiate aiutarmi sono due anni che di colpo incomincio a stare male mi succede sia di giorno che di notte proprio stanotte mentre dormivo mi sono svegliata in preda all'ansia perché mi e' venuta tachicardia e alcune extrasistole incomincia a salirmi a tratti un gelo e un calore alle braccia debolezza nelle gambe e si gelano le dita degli arti ho anche un po' di formicolio incomincio a tremare e mi vengono dei forti crampi alla pancia tantovero che vado in bagno ad urinare e ad evacuare sento una strana oppressione non dolore fra la trachea e lo sterno ho la sensverso le azione che da un momento all'altro abbia un infarto o svenga.Tutto questo a volte mi dura mezz'ora altre volte un paio d'ore a volte anche più volte al giorno ho notato che questi attacchi mi capitano in orari quasi definiti verso le 14.00 e di al mattino tra le 2.00 e le 4.00il neurulogo che mi ha visitata mi ha diagnosticato una sindrome da attacco di panico sono invece il cardiologo dopo aver fatto holter dinamico e pressorio,ecocolordopler ed elettrocardiogramma mi ha rilasciato la seguente diagnosi insufficenza aortica lieve-moderata in soggetto con aritmia extrasistolica ad oggi dopo due anni e con tre bambini da accudire non so a cosa attribuire i miei malesseri vado a dormire con la paura di sentirmi male e mi sveglio al mattino di malumore c'e' qualche altra visita che devo fare vorrei tanto uscire da questa situazione che mi sta logorando sia fisicamente che interiormente confido in un vostro prezioso consiglio vi ringrazio anticipatamente.dimenticavo questo e' il referto dell'ecg dinamico 24 ore:ritmo sinusale compreso fra 58 e 142al min.rare 10extas.sopraventricolarinormalmente condotte ai ventricoli(1 coppia 1 tripla)12extas.ventricolari(m.i.a.380msec)(classelown1,3,4A)assenza di turbe della conduzionedell'impulso e di alterazioni ischemiche transitorie di st-t.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara Utente
è difficile stabilire se nasce prima "l'uovo o la gallina", ma nel suo caso sembrerebbe che gli attacchi di panico siano una conseguenza di un problema aritmico oggettivo. Comunque è importante ai fini diagnostici capire se durante la registrazione Holter lei ha avuto i sintomi che riporta oppure no. Se si l'Holter ha un significato, se no ne ha decisamente un altro.
Comunque direi che non è la sua una situazione drammatica. Mi faccia avere qualche informazione aggiuntiva e le sarò più preciso.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
caro dottore cosa intende per problema aritmico oggettivo?comunque durante l'holter i vari sintomi io li accusavo anche se in modo più leggero durante l'attacco e' capitato un pai di volt di andare in pronto soccorso ma all'elettrocardiogramma risultava tutto a posto tranne pressione un po alta e tachicardia mi hanno dimessa ogni volta con la diagnosi di attacchi di panico le posso comunque dire che la prima volta che mi e accaduto e stato di notte dopo aver passato una giornata in compagnia di amici si era mangiato bevuto e fumato io non so quanto possa aver influito so solo che da quel giorno non ho più fumato se ha bisogno di altre inf .me lo dica
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
INtendo che le palpitazioni siano potenzialmente secondarie ad una aritmia e che non siano la sola espressione di un'ansia (che pure può manifestarsi in chi soffre di aritmie)....
Il fatto che lei avvertiva i sintomi durante la registrazione Holter e che questo non abbia evidenziato problemi aritmici, contraddice questa mia supposizione e orienta differentemente per una sindrome ansiosa primitiva.
A questo punto non si rivolga a noi cardiologi, ma ad uno psicologo e ovviamente non fumi, nè beva.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
carissimo dottore la ringrazio come sempre per la sua gentilezza ribadisco il fatto che durante l 'holter delle 24h io segnavo sul diario del paziente i seguenti sintomi senso di agitazione,lieve nausea,tachicardia ,leggero dolore fra sterno e bocca dello stomaco ,mal di testa debolezza ed extrasistole ,guarda caso sempre verso le solite ore :Diagnosi aritmia extrasistolica devo preoccuparmi al momento degli attacchi dovrei andare al pronto soccorso o semplicemente aspettare che mi passa perché e dopo questi sintomi iniziali che si scatena tutto il resto tenendomi in una posizione di sconforto sara ' panico o aritmia? ci sono giorni che non accuso alcun sintomo anzi mi sento un'altra persona giorni invece ho un senso di agitazione che mi scorre dentro tenendomi in allerta perché da un momento all'altro mi arriva il malessere.Alla fine della lettura dell'holter sopra citato il cardiologo ha scritto :salva da extrasistoli ventricolari in occasione della segnalazione alle ore 15,00 ;isolata extrasistole ventricolare in occasione della segnalazione alle14,27 proprio nelle solite ore mentre all'ecg scrive lievi anomalie del recupero ma cosa sono dovrei approfondire potrebbero essere correlate le varie cose ?come sempre la ringrazio anticipatamente e le chiedo scusa se divento ripetitiva ma voglio cercare di mettere insieme un po di tasselli sperando di chiarire un po le idee d'altronde si dice "non c'e' miglior medico di te stesso "non sara 'tutto vero ma forse mi aiutera' a gestire emotivamente meglio gli attacchi e a dirigermi meglio verso una giusta diagnosi .Cordiali saluti dottore
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le extrasistoli che ha sono inseribili nel contesto del problema valvolare aortico che lei ha riportato. Non deve preoccuparsi delle extrasistoli, che a mio giudizio innescano una serie di sintomi compatibili con crisi di panico secondarie, ma deve seguire l'evoluzione nel tempo del problema dell'insufficienza aortica. Lei è giovane e al momento non deve preoccuparsi più di tanto, ma l'entità della valvulopatia potrebbe cambiare nel tempo. Per questo le consiglio solo di eseguire un Ecocardiogramma una volta l'anno e di tranquillizzarsi.
Saluti
[#6] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
carissimo dottore con quest'ultima risposta che mi ha fornito sono riuscita a razionalizzare la situazione, ed era il punto in cui volevo arrivare la ringrazio di tutto "cuore" e mi tolga un ultima curiosita':il cardiologo mi aveva prescritto come terapia bisoprololo1.25mg una cp.al mattino io ci ho provato ma non mi e sembrato di trarre beneficio poiche 'avevo calo di battiti e pressione per niente piacevoli allora ho sospeso.sara 'che dovevo solo abituarmi o non era terapia oppurtuna?saluti
[#7] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non era a mio giudizio una terapia adeguata...
Saluti
[#8] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
grazie mille per i preziosi consigli faro in modo di trarne beneficio le auguro una buona giornata