Utente 328XXX
Salve sono un ragazzo di 22 anni , non bevo , non fumo e non faccio uso di droghe di alcun genere , sono in sovrappeso e sto cercando di perdere chili facendo palestra e andando a correre 2 volte a settimana , volevo spiegare i miei problemi o sintomi non so come definirli .. e' incominciato tutto quando avevo 18 anni , mi sentii un forte dolore al centro del petto che mi duro' tutto il giorno , spaventato andai a fare la visita dal cardiologo con il quale mi fece un ECG,dopler e Elettrocardiogramma , dove non risulto' nulla in pratica era tutto nella norma , da li in avanti costretto a stare in casa ad accudire mia nonna affetta da demenza senile per 3 lunghi anni .. tra crisi di ansia e panico tuttora non riesco a vivere sereno come vorrei ... vi spiego meglio .. l'anno scorso mia madre ha avuto una polmonite bilaterale ed era stata ricoverata d'urgenza per fortuna tutto bene alla fine .. da li sono nate tutte le mie paure , paura di avere problemi al cuore e ogni dolore per me e' sintomo di una grave malattia , appena mi sento qualcosa vado su internet a girovagare per cercare opinioni ma non mi sono di grande aiuto , pero' la mia fobia e' un altra , ovvero quella dell'arresto cardiaco , non mi capacito di come calciatori professionisti e atleti di vari sport vengano stroncati da questa morte improvvisa che non lascia scampo .. l'ultimo in ordine di tempo un ragazzino di soli 14 anni morto sul campo da calcio in seguito ad un malore 2 giorni fa , ma nelle varie societa' di calcio nazionali ed internazionali non hanno gli strumenti adatti per prevenire queste fatalita'? Poi io essendo un tipo ansiosissimo (dimenticavo prendo xanax per ansia) mi faccio prendere dal panico appena leggo o vedo certe notizie .. e' vero che la morte improvvisa avviene per cause ereditarie tipo malformazioni, sindrome QT lungo e sindrome di brugada? e le cause in cuore sano sono , miocarditi, squilibri elettrolitici e farmaci? io non ho mai sofferto di colesterolo alto non essendo magro e i miei esami sono sempre stati normali , vi riporto l'esame fatto l'anno scorso tramite prova da sforzo:Test ergometrico massimale negativo per ischemia miocardica inducibile. non sintomi. non aritmie.tachicardia sinusale in basale.normale incremento cronotropo e pressorio.TSH 4,37...toni validi e ritmici. pause libere.all'esame polmonare normale MV.non soffi carotidei.polsi periferici normosfigmici. non edemi.tachicardia sinusale 100 bpm nei limiti della norma (Elettrocardiogramma) ...ECG doppler.. VSX di normali dimensioni(DTd 47mm) spessori parietali normali (8mm) funzionalita' contrattile globale e regionale nella norma. diametri degli atrii e del Vdx nella norma. strutture valvolari normali. nulla al dopler. pressioni del piccolo circolo non valutabili.non versamento pericardico.Valori QT 346 ms QTc 451 ms... PQ 148 ms..questi sono gli ultimi esami fatti sia il test da sforzo che ECG e elettrocardiogramma piu' doppler
aspetto risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
La sindrome del QT lungo e la sindrome di Brugada si riconoscono all' ECG.
La malattia aritmogena del ventricolo destro si sospetta in caso di aritmie ventricoalri di un certo tipo, e di diagnostica con l'ecocardiogramma.
In realtà, le società sportive sottopongono gli atleti a test di screening, e infatti la morte improvvisa giovanile negli atleti -in Italia- è meno frequente che nei non atleti. I test di screening vengono fatti anche a chi ha precedenti in famiglia di morte improvvisa (molto spesso si tratta di malattie ereditarie)
Con gli esami che lei ha fatto può stare tranquillo: non sembra avere nessuna predisposizione alla morte improvvisa.

Poi ci sono le miocarditi, che possono colpire chiunque, e non possono essere prevenute.
Tuttavia, anche camminare per strada o guidare una macchina è pericoloso e, per quante precauzioni uno prenda, non si può evitare che un ubriaco ti piombi addosso. O che ti caschi in testa un cornicione o che tu sia coinvolto in un tamponamento a catena...

Cerchi di tranquillizzarsi, o non vivrà più davvero... e morirà a 90 anni sano, avendo vissuto da ammalato!