Utente 218XXX
salve a tutti i medici, oggi ho avuto una visita dall'andrologo (per la prima volta dopo 22 anni di vita) che mi ha diagnosticato un prepuzio "tendenzialmente" fimotico e frenulo corto, senza però bisogno della circoncisione a suo parere ma solamente della frenulotomia.
Il mio piu grande dubbio inrisolto a rigaurdo è però l'impossibilità di sfiorare il glande con qualsiasi cosa (dita comprese) se lo tengo scoperto, poichè mi causa dolore acuto e fastidio (inoltre ha un coloritto violaceo un po strano(?)) così il dottore mi ha prescritto degli impacchi in acido borico 3% tutte le sere per una settimana...ma non mi ha detto per quanto tempo tenere il pene immerso, 10 minuti bastano? inoltre senza la circoncisione è possibile rimediare definitivamente al problema del glande sensibile utilizzando tali impacchi? quando o come si formerà il famoso strato cheratinoso a proteggerlo? grazie dell attenzioni, un cordiale saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fedra Gottardo
28% attività
4% attualità
16% socialità
MARTELLAGO (VE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Quello che descrive fa proprio pensare che sia indicata la circoncisione, Le consiglierei di chiedere un secondo parere urologico.
[#2] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
mercoledì ho il secondo appuntamento da andrologo poichè devo portargli delel foto del pene in erezione (non riesce a raggiungere u n 'erezione normale, ma rimane sempre verso il "giù", inoltre ha una curvature verso il basso a mo di banana) e per dirgli se gli impacchi con acido borico stanno avendo effetto, ma a me per ora non sembra....dovrei insistere per la cinconcisione?
[#3] dopo  
Dr. Fedra Gottardo
28% attività
4% attualità
16% socialità
MARTELLAGO (VE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Se ha anche una curvatura importante in erezione il problema è più esteso di quello che lei ha nominato all'inizio del post, e probabilmente la circoncisione da sola non è risolutiva.
[#4] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
e cosa potrebbe essere risolutivo dunque in tal caso? esiste soluzione? sto avendo dei problemi di erezione e ansia a causa di tutto ciò, non riuscendo ad avere uan vita sessuale soddisfacente con la mia ragazza, e ciò mi sta causando molta infelicità..sto addirittura pensando a una prostatite latente magari mai scoperta! il varicocele (che comuqneu spesso si fa sentire, con dolori e sensazione sgradevo aanche alal gamba sinistra) potrebbe centrare qualcosa invece?
[#5] dopo  
Dr. Fedra Gottardo
28% attività
4% attualità
16% socialità
MARTELLAGO (VE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
gentile utente,varicocele fimosi prostatite sono patologie diverse e vanno inquadrate separatamente.l'incurvamento penieno se impedisce i rapporti può essere corretto chirurgicamnte.
[#6] dopo  
Dr. Fedra Gottardo
28% attività
4% attualità
16% socialità
MARTELLAGO (VE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
gentile utente,varicocele fimosi prostatite sono patologie diverse e vanno inquadrate separatamente.l'incurvamento penieno se impedisce i rapporti può essere corretto chirurgicamnte.
[#7] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettorer,

dalla sua descrizione si può immaginare che lei abbia un pene curvo ( perché non manda una foto del suo pene in erezione per una prima valutazione?), a cui spesso si associa un frenulo breve ed una modesta fimosi tale da non consentire agevolmente lo scorrimento del prepuzio sul glande. per questi motivi che sono presenti da sempre il ragazzo comincia a masturbarsi sfregando il pene di lato, senza scoprire il glande. In questo modo raggiunge l'orgasmo e la soddisfazione fisica; Quando iniziano i primi incontri con le donne la naturale tendenza a carezzare il pene e scoprirlo durante l'erezione può essere causa di grosso disagio, anche dolore con impossibilità a farlo.
Operare il frenulo non serve a nulla, acido borico e creme non servono a nulla. lei dovrebbe sottoporsi ad una circoncisione, intervento semplice, ambulatoriale, in anestesia locale, che "costringa" il suo glande a rimanere scoperto "indifeso" con un certo disagio per 2-3 settimane ma con ritorno ad una normalità "sensitiva" come hanno i milioni di maschi circoncisi che vivono nella terra.
Se poi la curvatura del suo pene fosse "importante" tale da crearle grosso disagio estetico o di penetrazione, allora dovrebbe valutare se non sia il caso di procedere ad una corporoplastica di raddrizzamento che necessariamente richiede la circoncisione.
Cerchi di consultare un andrologo esperto in chirurgia
Cari saluti
[#8] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
salve dr. pozza, lei ha centrato pienamente il problema in parte! oggi ho avuto seconda visita dall'andrologo (uno fra i migliori della zona), che analizzando attentamente il problema e delle foto del mio pene in erezione, mi ha appunto detto che si tratta di un difetto di crescita dei tessuti spugnosi dell'asta, e che avrò bisogno assolutamente di un operazione di raddrizzamento del pene (che ora infatti punta verso il basso) , mentre la frenutomia me la faranno assieme. rigaurdo ai problemi erettivi invece per il momento mi ha prescritto mezza compressa di cialis 20 mg ogni venerdì sera, e se non bastasse (ma lui pensa dovrebeb aiutarmi epr tutta la settimana) anche metà compressa il mercoledì....cosa ne pensate? Inoltre, i miei problemi erettivi che ho un po da sempre (ma ora in particolar modo) a sua detta sono dovuti in parte a questi problemi, ma in parte anche all'ansia (che però è una conseguenza appunto di tali problemi!) speriamo si possa risolvere tutto dopo queste operazioni..
[#9] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

tenga presente che molti pazienti affetti da incurvamenteo del pene presentano un sistema veno-occlusivo cavernoso diamo "un po' insicuro" con erezioni non sempre perfettamente rigide e durature.
forse, prima di prescrivere un vasodilatatore arterioso come il cialis, una valutazione ecodoppler dei suoi corpi cavernosi non sarebbe stata fuori luogo
continui così e risolva il problema del pene curvo se la cosa le arreca disagio ed incapacità penetrative
cari saluti
[#10] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
quindi dovrei tornare dal dottore e farmi fare anche un ecodoppler? e per finire, il calo del desiderio a cosa puo essere dovuto? io lo sto associando alle fitte del testicolo dovute al varicocele...però non saprei poi! adesso proviamo con il cialis da venerdì sera, e vediamo come va! la terrò aggiornata! :)