Utente 891XXX
Buonasera,
Vorrei sapere solo questo se potete aiutarmi: qualche mese fa a un mio congiunto, 63 anni, è stato diagnosticato un tumore al polmone destro di circa 3 cm sulla parte alta e non a contatto con altri organi, circoscritto e senza metastasi. E' stato disposto un intervento chirurgico per l'asportazione del tumore e di una piccola parte del polmone. Dopo aver eseguito TUTTI gli esami del caso, (PET; TAC con contrasto, BIOPSIA; SPIROMETRIA, ecc. ecc..) una volta aperto, non hanno potuto asportarlo poiché troppo a contatto con l'arteria polmonare e quindi NON OPERABILE. Ora, le mie domande sono queste, visto soprattutto lo stupore sul volto dei medici quando hanno visto il tutto e il nostro sconforto alla notizia:
1- com'è possibile che con tutti gli esami del caso (ripeto, TUTTI), l'arteria e l'esatta collocazione del tumore non fossero visibili/prevedibili
2- non è più possibile intervenire chirurgicamente, in qualche altro modo, esiste una qualche tecnica particolare
3- quali le alternative ... hanno ipotizzato radioterapia ed eventualmente chemio, mi chiedevo se vi fosse la possibilità di radioperapia "a bisturi" (mi sembra di aver letto) che prevede delle radiazioni molto mirate sulla lesione.
Attendo riscontro e ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Davide Turello
24% attività
4% attualità
16% socialità
NOVARA (NO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Premetto che non è possibile dare giudizi precisi senza prendere visione degli accertamenti (in particolare le immagini radiologiche).
Tuttavia, deve tenere presente che purtroppo talvolta può capitare che all'atto dell'intervento chirurgico la situazione sia peggiore di quanto previsto, rendendo l'intervento tecnicamente impossibile o oncologicamente non indicato. E questo anche se sono stati correttamente effettuati tutti gli accertamenti preoperatori previsti per la patologia in oggetto.
In casi come questi il trattamento radio-chemioterapico può essere una alternativa, la cui indicazione andrà valutata dagli specialisti di riferimento: i centri che si occupano di neoplasie del polmone normalmente discutono collegialmente questi casi in sede di G.I.C. (Grupppo Interdisciplinare Cure), con la partecipazione di chirurgo, oncologo, radioterapista, pneumologo, ecc...
Lei non specifica dove è stato operato il paziente: se si tratta di un centro di buona esperienza, può affidarsi senza timori alle decisioni dei Colleghi.

A disposizione per eventuali chiarimenti o per valutare il caso se richiesto.
[#2] dopo  
Utente 891XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno,
Grazie mille per il riscontro, è esattamente come immaginavo!
Scrivo dalla Valle D'Aosta se può darmi qualche indicazione. In ogni caso lo staff che è intervenuto mi sembra piuttosto competente e anche il livello personale e umano mi sembra buono.
Ringrazio e porgo distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Davide Turello
24% attività
4% attualità
16% socialità
NOVARA (NO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Se è stato seguito ad Aosta, posso dirle che conosco i Colleghi che lavorano in quell'Ospedale, e non nutro alcun dubbio circa il loro operato.
Segua con fiducia le indicazioni che le daranno.

Distinti saluti.

dott. D. Turello
[#4] dopo  
Utente 891XXX

Iscritto dal 2008
Dott. Turello
La ringrazio infinitamente per il Suo riscontro confortante, a dir poco!!
Le auguro un buon lavoro e buone feste!