Utente 718XXX
Buon Giorno Gentili Dottori,

premetto che è il primo consulto medico online che richiedo e quindi mi scuso già in partenza se avrò un linguaggio non troppo preciso.

Mi chiamo Stefano e ho 17 anni e qualche mese fa notai sul petto un punto nero, se non ricordo male, che feci fuoriuscire. Da quel giorno là però, si è formata una piccola zona infiammata in corrispondenza del precedente punto nero e col tempo è andata gonfiandosi leggermente come una piccola ciste. Oggi dopo un pò di tempo, stupidamente, sono andato a ritoccarmela rendendola così nuovamente infiammata e a mio avviso un poco allargata.

Al tatto è abbastanza dura mentre alla vista è arrossata anche la zona intorno mentre invece al centro è Scura in un punto e un poco gialla sempre al centro. Ovviamente dolorosa.
Più esternamente oggi, probabilmente in merito al mio maldestro intervento, si è formata anche una ben più piccola bollicina. Il tutto sarà di circa 1 cm.

Oltre ad una futura visita medica vorrei sapere se potrebbe essermi utile una crema GENTAMICINA e BETAMETASONE nel frattempo(sono restio ad usarla poichè la usai tempo fa per un gonfiore alla guancia dovuto probabilmente ad un brufolo sottocutaneo, ma la crema mi ha fatto passare solo il gonfiore lasciando però il sebo sottopelle, al tatto si sente la pallina dura, anche se non si vede, gonfiore che è tornato qualche settimana dopo.)

Vi ringrazio per l'attenzione e rimango speranzoso di risposte.



Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Con una visita accurata presso il Suo dermatologo di fiducia, sarà possibile in pochi minuti, accertare o escludere il sospetto diagnostico di cisti sebacea e programmare la terapia più rapida per la completa guarigione. L'applicazione "fai da te" di creme al cortisone, non solo non serve a vuotare il contenuto della cisti, ma può a volte modificare il quadro clinico (es: follicolite da steroidi) rendendo più complessa la diagnosi al momento della visita. La Sua esperienza passata con l'applicazione del cortisone al viso ne è la conferma. Il Suo dermatologo in base al quadro clinico Le potrà consigliare il sistema migliore adatto per il Suo caso, senza dover necessariamente intervenire in maniera invasiva. Prima di parlare di miglior terapia, dobbiamo essere prima certi della diagnosi... e questa può essere fatta solo presso il Suo dermatologo e non per via telematica. Restiamo a disposizione per qualsiasi consiglio medico online, che possa servire a valorizzare e mai sostituire la visita medica tradizionale. Vedrà che con la terapia dermatologica risolverà il Suo problema molto prima del previsto. Cordiali saluti e in bocca al lupo.
[#2] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile giovane,
la "spremitura"dei punti neri anche se molto diffusa, non è una pratica corretta. Essa infatti espone al rischio di infiammazione-infezione con le relative conseguenze. Utile ovviamente la visita dermatologica per chiarire dubbi clinici.
Dott. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
http://www.claudiobernardi.it