Utente 329XXX
Buongiorno,
ad Aprile del 2012 mia madre (70enne) ha subito un ic di sostituzione della valvola aortica per stenosi aortica severa. La valvova è stata sostituita con una protesi valvolare stentless in pericardio bovino Sorin Solo Freedom 19mm. La protesi aortica biologica (leggo dal sommario di dimissione dell'azienda ospedaliera) è ...//lievemente restrittiva (grad max 40mmHg, grad medio 20 mmHg).
Proprio ieri il suo cardiologo ci ha comunicato che sarà necessario tornare dal cardiochirurgo perchè: atrio dx lievemente ingrandito (area 16 cmq). Protesi aortica con gradiente max 84 mmHg e medio 54 mmHg. Al Doppler: insufficienza valvolare mitralica di lieve/media entità. Insufficienza valvolare tricuspidale di entità moderata. Lieve incontinenza valvolare polmonare. Ipertensione polmonare di media entità. Disfunzione diastolica di I° grado.
Mi interessava sapere, prima della visita cardiochirurgica, le vostre opinioni riguardo tali dati e se questi ricondurranno, con sicurezza, ad un'ulteriore ic. Se, poi, l'eventuale ic sarà quello a cuore aperto o se esistono altre tipologie di intervento.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
I dati sembrerebbero tali da porre indicazione per il trattamento della degenerazione della bioprotesi.

Le bioprotesi stentless, sono più complesse da trattare per via percutanea (TAVI), per cui sulla base dell'età, se non fossero presenti altre copatologie significative, mi sentirei di consigliarle l'intervento chirurgico tradizionale.

Resto a disposizione per eventuali chiarimenti.

iaci.giuseppe@hsr.it

GI
[#2] dopo  
Utente 329XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno Dr.Iaci,
nel ringraziarla dell'attenzione prestatami nonchè della celere risposta le volevo porre un altro quesito (in attesa ovviamente del consulto cardiochirurgico):
il giorno dopo aver effettuato l'eco di cui sopra, mia madre è andata di sua iniziativa a fare un altro esame ecocardiografico rivolgendosi però ad un altro laboratorio.
Questo secondo esame ha evidenziato i seguenti dati:

Aorta:
Velocità.................4,2 m/sec
Gradiente max.......70mmHg anzichè 84mmHg del giorno precedente
Gradiente med.......39mmHg anzichè 54mmHg // // //
Normali dimensioni delle cavità cardiache
Sclerosi mitralica con insufficienza valvolare di grado lieve
Ventricolo sinistro: normali le dimensioni interne con ipertrofia parietale, buona funzione sistolica.

E' normale che i gradienti varino da un giorno all'altro?
Qualora i dati reali fossero quelli di questo ultimo eco, anche in questo caso la degenerazione della valvola dovrà essere curata solo ed esclusivamente chirugicamente?
La ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Un gradiente medio superiore a 40 mmHg e' necessario per porre diagnosi ecocardiografica di stenosi severa della bioprotesi.

Nel secendo eco siamo lievemente al di sotto di tale valore, ma credo che sia necessario valutare bene i sintomi della paziente e misurare in modo molto preciso gradienti ed area valvolare, rapportandoli alla superficie corporea della paziente prima di prendere una decisione.

Uno dei due ecocardiogrammi e' meno preciso dell'altro e per capire quale sia quello alla realta' sarebbe necessario un esame ecocardiografico piu' approfondito, transesofageo.

Quello che e' certo e' che la protesi non funziona perfettamente e nel caso in cui cominciassero a manifestarsi sintomi (affanno, astenia, dolore al petto), propenderei per l'intervento.

GI