Utente 329XXX
Buongiorno a tutti, soffro della sindrome post-finasteride e da 2 mesi sono sotto 0,25 mg di arimidex (anastrozolo) ogni 2 giorni. I sintomi della sindrome stanno lentamente regredendo, e io vorrei continuare per altri 4 mesi. La domanda è: il farmaco in questione rischia di farmi venire qualche tumore o in generale di avere effetti collaterali (sia durante la terapia che alla sospensione)? C'è da dire che per quanto riguarda le ossa o le articolazioni non sto avendo nessun problema, anzi: aumentando il testosterone e il DHT di molto rispetto alla piccola riduzione indotta dal farmaco sull'E2 penso che addirittura l'apparato scheletrico ne abbia fin'ora solo giovato. Ripeto il mio pensiero è rivolto ad effetti collaterali orribili quali tumori. Grazie anticipatamente per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la sindrome post finasteride quale quella che intende lei dubito esista, in quanto l' aumento dell' E2 (17 beta 2 esrtradiolo) indotto dal farmaco si normalizza a 7 gg dalla sospensione. Se rimangono problemi vuol dire che erano preesistenti. Detto questi i farmaci anti estrogeni hanno una posologia che va indidualizzata da 1 cp ogni 3-4 giorni a 1 cp ogni 15 giorni, basandosi sullo stato del paziente e sui livelli ormonali. Se questi rimangono enntro i range nessun problema, e lasci perdere i tumori che solo valori quintupli di testosterone ne possono aumentare l' incidenza., ma ad età diverse dalla sua.
[#2] dopo  
Utente 329XXX

Iscritto dal 2013
Mi sono espresso male forse: alla sospensione della finasteride l'E2 si trovava entro il range, adesso è stato ridotto dall'azione dell'arimidex. La diminuzione dell'E2 comporta l'aumento di T e DHT che dovrebbero agire ugualmente sulla densità ossea e compensare l'effetto della diminuzione dell'E2. Comunque ha risposto alla mia domanda, in quanto temevo che l'assenza di E2 potesse produrre a lungo termine effetti sui tessuti interessati inducendo il cancro.
La mia paura è soprattutto che i tessuti si adeguano al basso E2, e una volta sospeso l'arimidex e quindi il ritorno ai livelli precedenti di E2, i tessuti ormai abituati a bassi livelli abbiamo reazioni incontrollate accrescendosi e possibilmente portando al cancro.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Veramente la diminuziopne di E2 comporta ben altre modificazioni (gonadotropine, spermatogenesi ecc...) Controllare i livelli ormonali è da fare. Anche perchè prendere questo fgarmaco con normali livelli di testosterone e di E2 è pericoloso.
[#4] dopo  
Utente 329XXX

Iscritto dal 2013
Purtroppo alla sospensione di finasteride ho avuto un quadro ormonale alterato: T a meno di 300 ng/dl, mentre E2 a 40 ng/dl, albumina range alto e shbg bassissimo, DHT leggermente overange T libero basso. Non ho ancora controllato gli ormoni dopo la terapia con arimidex.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
<Alto quanto? Basso quanto? Quanto tempo è passato dopo sospensione di farmaco finasteride? Le gonadotropine come sono? I testicoli come sono? l' ipofisi come è?.
E ai controlli come sono ste cose? e quanto farmaco prende? Scusi, ma le cose un tanto al metro sono troppo faticose e di poca soddisfazione.
[#6] dopo  
Utente 329XXX

Iscritto dal 2013
La domanda era un'altra, e lei ha già risposto, riguardante la pericolosità di arimidex. Con il mio secondo intervento ho solo voluto spiegarle meglio la mia paura nell'utilizzo del farmaco a lungo termine. Grazie delle risposte.