Utente 330XXX
Buonasera gentilissimi medici,
è ormai un annetto che sono affetto da prostatite. Diciamo che va e viene, con periodi in cui si manifesta in maniera più forte (dolore ai testicoli, alzate notturne per urinare,e cc.) e periodi in cui è più leggera. Sono in cura da un andrologo, e ho fatto diversi cicli antibiotici, antinfiammatori, integratori, ecc, ecc. con tutti gli esami del caso. sto cercando di praticare (difficilmente ahimè) una vita sana, intendo dire, che oltre all'attività fisica e al mangiar alimenti sani, ho praticamente eliminato l'assunzione di birra e vino. Vorrei sapere se secondo voi, l'eliminazione degli alcoolici deve essere mantenuta a vita, oppure c'è la possibilità di una completa guarigione e di non avere delle recidive. grazie tante

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

confermo la possibilità di una completa guarigione, se seguirà attentamente tutte le precise indicazioni che le darà il suo andrologo di fiducia, e, a guarigione avvenuta, non è controindicata una limitata assunzione di un buon bicchiere di vino.

Se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.