Utente 166XXX
Gentili medici cardiologi, è da qualche anno che soffro di episodi più o meno frequenti di tpsv. L'ultimo mi è successo pochi giorni fa per il quale mi sono preoccupato moltissimo. Gli episodi in genere mi durano al massimo qualche ora ma l'ultima volta sono stato molto male con i battiti a 180/m per tutto il pomeriggio e tutta la notte con conseguente mal di testa e di gola e spossatezza. All'alba non potendone più mia moglie mi ha portato al pronto soccorso dove in codice rosso mi hanno eseguito un massaggio seno carotideo con ripristino del ritmo sinusale. Dopo, lo stesso medico del P.S., data la periodicità degli episodi, mi ha consigliato di iniziare il decorso per una eventuale ablazione assicurandomi che il problema sparirebbe definitivamente.
Che ne pensate?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se non è il primo episodio le conviene certamente pensare ad un tentativo di ablazione. Nel frattempo il suo cardiologo potra prescriverle un antiaritmico ed almeno una dose di aspirina
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta dottore, spero che la pratica di ablazione non sia invasiva.
Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Certo che è invasiva. Viene eseguita inserendo in anestesia locale dei cateteri attraverso una vena ed un arteria dell inguine per entrare dentro il cuore, registrare l ECG dentro il cuore ed eventualmente bruciare vie anomale.
Arrivederci