Utente 330XXX
Gentili dottori,

è già da qualche anno che ho preso abitudine per rilassarmi come rituale pre-sonno di sera di assumere una o due bustine di camomilla o in mancanza tisane alle erbe sostitutive. Ho letto ultimamente che sia meglio non assumere per lunghi periodi le tisane pena effetti collaterali. Mi sapreste indicare meglio quali sono i rischi nell'assunzione prolungata di tisane alle erbe? E' vero che è sconsigliato assumere sempre la stessa e quindi consigliato variarla per non far abituare l'organismo?
Grazie.
[#1] dopo  
Dr.ssa Valentina Pontello
52% attività
16% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,

le tisane hanno un contenuto in principi attivi trascurabile rispetto a integratori e farmaci vegetali, che comunque dipende dal tipo di erba e dalla durata dell'infusione.

La camomilla ha un effetto digestivo, spasmolitico, ma non facilita il sonno (se non in modo indiretto, cioè tramite la facilitazione della funzione digestiva).
Può quindi assumerne a volontà, se le piace farlo.
[#2] dopo  
330285

dal 2014
quindi anche per le tisane alle altre erbe come per la camomilla l'assunzione quotidiana non ha controindicazioni dottoressa?
[#3] dopo  
Dr.ssa Valentina Pontello
52% attività
16% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
No, dipende dalle tisane. Quelle di supermercato per intendersi sono più alimenti che farmaci. Mentre se sono cose particolari comprate in erboristeria, si consigli sempre con il suo erborista di fiducia.
[#4] dopo  
330285

dal 2014
in alcuni periodi (durati 3-4 mesi) all'uso di tisane ho associati anche l'assunzione di integratori alimentari a base di melatonina,valeriana,melissa e passiflora. Per gli integratori a base di queste sostanze mi sa dire quale sarebbe il periodo di tempo più appropriato per l'assunzione? E i rischi nell'assunzione prolungata degli stessi?
Grazie.
[#5] dopo  
Dr.ssa Valentina Pontello
52% attività
16% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Sconsiglio il fai da te, si confronti con il suo erborista di fiducia o con un medico fitoterapeuta. Consideri che la maggior parte degli integratori sono sottodosati, e quindi hanno un'efficacia limitata, ma possono essere assunti per lunghi periodi.

E' importante anche affrontare il problema di base, quello per cui si prendono questi integratori, in un'ottica olistica, di benessere mente e corpo.