Utente 330XXX
Salve.
Due settimane fa, mio malgrado, sono stato aggredito in una discoteca, con il risultato che ho ricevuto un bel pugno all'occhio destro.

Passato l'ematoma ed il classico bell'occhio nero, l'unico mio problema e' che ho perso molta della sensibilita' alla parte destra della faccia, soprattutto una parte della guancia, parte interna delle labbra e anche le gengive, sento quasi che i denti in quella zona non sono allineati bene o che "spingono" uno contro l'altro, anche se all'apparenza e' tutto normale.
La generale sensazione e' esattamente come l'anestesia che ti fa il dentista quando ti opera, parte della bocca e labbra e' addormentata, dandomi molto fastidio.

Ieri sono stato visitato da un maxillo facciale, il quale - radiografia alla mano - ha confermato la frattura dell'osso immediamente sotto l'occhio, spiegandomi che una parte e' stata "spinta verso l'interno", e proponendomi un intervento chirurgico.
L'alternativa all'operazione sarebbe lasciare l'osso cosi' come e'.

Ora, non ho problemi alla vista nell'occhio colpito, ed anche esteticamente sembra tutto normale, il mio unico problema e' l'addormentamento di una parte di guancia e bocca.
Il maxillo facciale che mi ha visitato, mi ha notevolmente spaventato dicendomi che - senza operazione - ho il 75% di possibilita' che la sensibilta' torni come prima, ed il rimanente 25% che l'addormento rimanga a lungo, potenzialmente per tutta la vita (la quale eventualita' mi spaventa non poco)!
L'operazione aumenterebbe le probabilita' che la sensibilita' torni, diciamo dal 75% all'85%.

Il dottore, analizzando i pro e contro dell'operazione, mi ha detto che lui la consiglierebbe solo se avessi problemi alla vista (che non ho) oppure problemi estetici per la frattura dell'osso (che non ho, sembra tutto normale).
Sembrerebbe che l'unico vantaggio dell'operazione sarebbe un leggero aumento delle probabilita' che la sensibilita' ritorni, e quello evidente di avere l'osso ricostruito.

Insomma, il dottore dice che la scelta e' mia. Morale della favola: ho l'operazione fissata per settimana prossima, quindi sette giorni per decidere se farla o se eventualmente cancellarla.

Un ulteriore problema e' che vivo all'estero, quindi non ho conoscenze in modo da avvalermi di una seconda opinione di cui fidarmi.
Sento che ho una decisione difficile da prendere e gradirei se qualcuno potesse darmi la sua opinione o chiedermi ulteriori dettagli, se necessario.

Grazie dell'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
comprenderà bene che in questa sede é problematico darLe consigli più precisi di quelli ricevuti dal collega che l'ha visitata.
In linea di principio le fratture delle ossa del volto andrebbero sempre trattate con riduzione e sintesi (l'intervento appunto propostole) al fine di evitare problemi funzionali ed estetici, che sul viso sono sempre di certa rilevanza.
Gli esiti infatti potrebbero presentarsi nel tempo, una volta scomparso l'edema, il gonfiore tanto del viso e della guancia quanto dei tessuti più profondi.
La sensibilità, com ritengo già chiaritoLe dal collega, recupererà nel tempo, ma é impossibile essere più precisi, oltre quanto già comunicatole.
Se quindi ritiene, con diritto, di valutare una seconda opinione il consiglio é di farsi visitare nuovamente da un altro professionista, reperibile anche all'estero senza problemi...le regole di buona e scrupolosa pratica medica sono le medesime!
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 330XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dott. Diaspro, la ringrazio per la sua risposta.

Attualmente non ho problemi ne' funzionali (sensibilita' a parte) ne estetici (occhio nero ed endema scomparsi), ma come dice lei potrei avere problemi nel lungo periodo. Mi potrebbe riassumere quali potrebbero essere questi problemi nel caso escludessi l'operazione?

Inoltre, starei optando per un secondo consulto quando saro' in Italia, poco prima delle festivita' Natalizie. Il Dottore che mi ha visitato pero' sostiene che non ci sia tempo da aspettare.
L'incidente e' successo il 23 Novembre, ritiene che una visita intorno a Natale sia troppo tardi.

Saluti e grazie ancora per la sua risposta.

Alessandro
[#3] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gent.mo Alessandro
in linea di principio le fratture vanno operate, come dettoLe, il prima possibile: si creano infatti in caso contrario delle cicatrici profonde che, passato e risolto il gonfiore dei tessuti della cute e di quelli orbitati, possono dare origine a inestetismi significativi, proprio perché la pelle in profondità presenta queste zone di diminuita mobilità. La palpebra può risultare estroflessa e l'occhio più aperto, ma comprende bene che senza una visita dire di più sarebbe pretenzioso e non vorrei allarmarla eccessivamente.
Le vacanze di Natale saranno tra 15 giorni, il doppio del tempo già trascorso...il concetto di troppo tardi non é così significativo ma é chiaro che la valutazione di ciò che sarà possibile fare sarà fatta al momento della visita, rispetto alla situazione che sarà risocntrata. Al limite consulto un altro chirurgo maxillo.facciale dove vive ora.
Cordialmente