Utente 295XXX
salve a tutti,
soffro praticamente da sempre di eiaculazione precoce, e credo di aver percorso quasi tutte le vie mediche possibili, ovviamente sotto consigli del mio andrologo.
Sono stato un anno in cura con la paroxetina, salvo poi darmi sintomi che a detta del mio andrologo accadono spesso dopo uno o due anni di somministrazione, come ad esempio incapacità nel mantenere un'erezione. Abbandonata la via degli psicofarmaci, abbiamo optato per una strategia al bisogno con la dapoxetina, ma anche questa non è stata efficace poichè anche alla dose di 60 gr spesso non aveva l'effetto dovuto ed interferiva con l'erezione, che senza assumere pillole è sempre stata eccellente. Dopo ciò, ho iniziato parallelamente una terapia con uno psicologo, ma questa sembra comunque poter dare risultati nel medio lungo termine, e l'andrologo , sostenendo che ormai il mio corpo fosse assuefatto ai farmaci ssri al punto tale da dare scarsi risultati anche con un farmaco specifico come la dapoxetina, ha optato per farmi prendere 90 mg al giorno di griffonia in estratto secco i primi 5 giorni, per poi passare a 180 mg. Ho iniziato due giorni fa, però notavo girando in internet soprattutto su questo sito, come fosse una cura insolita dell'EP, ho sentito dire che l'aumento di serotonina che si ottiene non sia sufficiente per avere un'eiaculazione ritardata. Vorrei sapere se a qualcuno di voi è mai capitato di prescrivere una cura del genere, e se la considerate adeguata alla mia condizione che purtroppo è molto critica ( anche le masturbazioni durano all'incirca due minuti)
grazie a tutti per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello
48% attività
20% attualità
20% socialità
PONTECORVO (FR)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' stato ben consigliato per quanto riguarda i farmaci, per quanto riguarda la fitoterapia non deve essere per forza condivisibile, ma è comunque un tentativo naturale tentato dal suo andrologo messo alle corde dagli insuccessi.
Ha escluso chiaramente problematiche anatomiche o prostatiche , giusto ?
[#2] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2013
si sono totalmente da escludere, la diagnosi è di una ipersensibilità del glande e dato il successo iniziale della paroxetina ha detto che le cause sono di natura psicologica. Lei ha mai sentito che una terapia naturale del genere abbia avuto successo ? il mio andrologo l'ha scelta spiegandomi che la carenza di serotonina è il motivo principale della mia ep, ma colmarla con gli antidepressivi non è più tollerabile dal mio corpo. In caso di insuccesso mi ha già introdotto che ha intenzione di tentare con gli antidepressivi in gocce , così da potermi somministrare dosi più basse della dose minima, sperando in una risposta positiva del mio organismo. Grazie mille per la risposta.