Utente 330XXX
Buongiorno sono un ragazzo di 38 anni, e da agosto scorso mi son rimesso seriamente a fare sport, più precisamente corsa. Ho cominciato un allenamento mirato per perdere peso in quanto ero arrivato a pesare 104Kg. Adesso dopo 4 mesi di corsa (ho cominciato con 3 volte alla settimana per 20 minuti e adesso faccio 6 volte alla settimana per un minutaggio differente con max 1hr, 1 hr e 10 minuti). Da sabato sera subito dopo aver fatto 25 minuti tranquilli mi è venuto un dolore diffuso alla parte superiore del petto. Mi fa male anche il collo e alle braccia (soprattutto il sinistro). Premetto che ho sempre sofferto di dolori cervicali dopo aver avuto un incidente automobilistico con schiacciamento di alcuni dischi del rachide cervicale. Oltre a questo, lo scorso anno hanno riscontrato una pressione leggermente alta che sto curando con Atenololo (1 compressa al giorno). Sono anche un tipo ansioso e da diversi anni sono in terapia con il seropram. La mia paura anche negli anni scorsi è sempre stata quella di poter avere un infarto e quindi di morire. Adesso sento che la corsa mi fa molto bene e, oltre ai benefici fisici, mi da anche molta autostima e quindi non vorrei proprio essere costretto a smettere. Premetto che non ho ancora parlato con il mio medico curante in quanto sabato mattina sono andato a fare gli esami del sangue perchè dopo mesi di attività fisica volevo essere sicuro di no avere scompensi a livello di vitamine/magnesio ecc e visto che ho sempre avuto il colesterolo un po alto, mi sono fatto prescrivere anche quello.
Secondo voi è possibile che si tratti di un problema realmente cardiaco? a me servirebbe solo che mi indicaste eventualmente la tipologia di specialista cui potrei rivolgermi.
Vi ringrazio fin d'ora per la gentilezza
Cordialmente
[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Indipendentemente dalla sintomatologia riferita, la durata, la frequenza e la tipologia delle Sue sedute di allenamento (e la Sua costituzione fisica) rendono necessaria una completa valutazione cardiovascolare, ovviamente comprensiva di un test da sforzo massimale e ancora più ovviamente eseguita da uno specialista cardiologo.
Cordiali saluti