Utente 330XXX
Buonasera, è la prima volta che creo un post del genere! Vengo al punto. Da un paio d'anni,dopo ricerche sul perchè di molti fastidi intestinali a cui non riuscivo a porre rimedio (cioè non bloccavo il fastidio con i farmaci adatti) ho scoperto (da sola)che derivava dal sugo. Non mi da fastidio il pomodoro, crudo lo mangio in continuazione d'estate e se non cuocio troppo i pomodorini posso anche tollerare la pasta con i pachino, ma se ingerisco anche una minuscola quantità di sugo (ragù, o qualsiasi altra forma di sugo con pomodoro) sto male per 3 giorni a partire da 10/15 minuti dopo averlo ingerito,ho forti dolori di pancia anche se prendo un the col limone, o se mangio riso in bianco. Ho fatto le analisi per le intolleranze e non hanno rilevato nulla. Ho anche chiacchierato con diversi medici senza però approfondire, e mi hanno guardato un po' scettici!!! Ultimamente ho sperimentato il sugo senza cuocerlo con olio, aggiungendo solo acqua, e non mi sono sentita male per niente. A questo punto non so se devo rivolgermi ad un nutrizionista, un gastronterologo o ad uno psichiatra!!:-) piuttosto che ad un chimico!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
in effetti non esiste una spiegazione razionale per il Suo disturbo. Proprio per questo non esiste modo (razionale) di "studiarlo".
Sapendo però già come evitare il problema, in fondo non ha nessun bisogno di test.
Se invece poi si dovesse ripresentare, pur con le dovute accortezze, allora sarà "costretta" a ripensare criticamente all'effettiva esistenza di questa relazione.
Saluti e buone Feste,