Utente 330XXX
Buonasera a tutti

Ho 35 anni, una compagna e dei figli...
Non ho alcun desiderio di fare il "maschione"...ma fino ad alcuni giorni fa non ho mai avuto problemi di erezione...in nessuna occasione...
Qualche mese fa ho conosciuto una collega e ...negli ultimi tempi...è comparsa una forte attrazione...
Ci è capitato di "farlo" via SMS...con erezione davvero soddisfacente anche a distanza...
Poi la scorsa settimana abbiamo avuto un rapporto completo soddisfacente nonostante l'uso del preservativo (che fatico a sopportare).
L'altra notte invece è accaduto il fattaccio:
Eravamo entrambi ubriachi, avevamo bevuto parecchio, e abbiamo avuto preliminari durante i quali l'erezione era ottima...al momento di infilare il preservativo...tutto è passato e non c'è stato più verso di fare nulla...
Premetto che due giorni prima, in alcune occasioni, ho avvertito dolore al basso ventre e alla base dei testicoli...
lei è stata molto carina, mi ha ripetuto che succede, soprattutto se si ha bevuto...

io però sono rimasto traumatizzato dalla cosa, sono una persona estremamente agitata ed ipocondriaca, descrivetemi un sintomo e subito me lo sento addosso, questa situazione mi ha lasciato uno strascico di paura... di non riuscire più ad avere un'erezione...

Io credo che la causa sia psicologica, non sono fiero di quello che sto facendo, non è mia abitudine tradire, temo che ora avrò questo problema anche con la mia compagna.

Mi chiedo: Ma è possibile diventare "impotenti" da un momento all'altro per cause organiche? Cioè un attimo prima tutto ok e poi nulla....

da quella sera sono costantemente (beh non proprio costantemente) a fare prove da solo, mi sento ridicolo, anche durante la masturbazione, nonostante raggiunga l'orgasmo, non ho un'erezione soddisfacente...

il pensiero mi tormenta, sta diventando un'ossessione...
ho paura di provare a fare sesso con la mia compagna...

secondo voi è il caso che ne parli con il medico'

grazie a chiunque vorrà rispondermi

Buonasera



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le implicazioni psicologiche sono scontate ma,mi domando se sia corretto reagire razionalmente ad una quadro clinico irrazionale legato alla assunzione di alcol.
Tutto ciò che altera la padronanza della funzione sessuale (alcol,droga etc.) rappresenta un fattore ostativo affinché la stesa sia fisiologicamente espletata.
Chiarito ciò,può approfittare per consultare un andrologo,senza evocare fantasie negative.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 330XXX

Iscritto dal 2013
Caro Dottore la ringrazio per la sua tempestiva risposta...

Purtroppo il quadro generale si è aggravato...due giorni dopo il consulto richiesto...ho notato di avere delle macchie rosse sul glande...
ho notato anche di avere delle perdite di sperma e una sorta di dolore - pesantezza nella zona tra i testicoli e l'ano...anche durante la minzione...a volte bruciore...
parallelamente persistono le difficoltà di erezione e ho notato anche un calo generale di desiderio...

mi sono recato dal mio medico che mi ha ascoltato, mi ha visitato e mi ha diagnosticato una prostatite...

io ho spiegato al medico che non ho un vero "dolore"...ma una somma di fastidi, tra i quali il deficit erettile è quello che più mi preoccupa...

mi ha dato un farmaco da prendere...un integratore di nome Proxana...per 15 giorni

Ora...dato che amo farmi del male...ho fatto qualche ricerca in internet e ho letto molta gente disperata per l'esordio di questa patologia...mesi di disagi...soluzioni introvabili...

bene...quindi le parole del medico mi hanno in parte rassicurato, dato che a suo dire il deficit erettile è legato alla prostatite, tuttavia mi ha aperto dei dubbi..

- Può la prostatite causare deficit erettile , per così dire, da un giorno all'altro?
- Non voglio mettere in dubbio le parole del mio medico (che stimo molto), ma mi sembra che la prescrizione di quell'integratore sia un pochino blanda...d'altra parte non sono medico, e quindi non so...

Mi consiglia di farmi visitare da uno specialista urologo?

La ringrazio e colgo l'occasione per augurarLe Buone Feste
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
..se non si fida,consulti un esperto urologo.Cordialità.