Utente 277XXX
Salve gentili medici. Vorrei sottoporvi un quesito che mi preoccupa non poco.
Circa una settimana fa ho notato per caso di avere un linfonodo sotto la zona del pene , per intenderci quella parte che va dallo scroto all'orifizio anale. Il linfonodo non è molto grande, e non visibile all'occhio poiché per trovarlo devo premere sulla zona e cercarlo. Visto che presento altri due problemi , so' che potrebbe trattarsi di un linfonodo reattivo, ma vorrei comunque sentire il vostro parere e capire se è necessario fare una visita. I problemi a cui faccio riferimento sono : un prurito anale che spesso mi lascia tracce di sangue nella carta igienica (ho fatto una visita dal dermatologo mi ha detto che non vedeva niente di anomalo), tutte le analisi parassitologiche e del sangue sono risultate nella norma, mi ha consigliato una visita proctologica che però poi non feci più. Ho quasi la certezza che il prurito mi venga per una scarsa pulizia (anche se io mi pulisco accuratamente), e dico questo perché se a distanza di tempo da quando sono stato in bagno torno a pulirmi, la carta igienica è di nuovo sporca. L'altro problema è invece un dolore dopo l'eiaculazione, che si attenua se riesco ad urinare subito , altrimenti rimane per svariate ore. Il dolore è incentrato su tutto il "tubicino" che trasporta l'urina ed ovviamente il liquido seminale. Ne parlai recentemente con il sostituto del mio medico di famiglia, che mi fece solo fare una citologia urinaria su 3 campioni, da cui non emerse niente. Entrambi i problemi li ho da molto tempo. Il prurito anale da un paio di anni mentre il dolore post eiaculazione forse anche da 3. Se potete aiutarmi ve ne sarei infinitamente grato, sopratutto mi piacerebbe capire se il linfonodo (i linfonodi?) ingrossati possano essere dati da questo o da qualcosa di più grave.. Un anno esatto fa effettuai un ecografia testicolare ed inguinale per un dolore in quelle zone e non emerse niente, poi quel dolore passò da solo.
Scusate per i termini poco tecnici da me utilizzati,
Grazie per la disponibilità , buona serata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
nella zona fra scroto e ano in genere non esistono catene linfonodali importanti che in genere sono collocate a livello inguinale, quindi l'ipotesi "linfonodo reattivo" va verificata con eventuale ecografia della zona perineale e accurata visita andrologica.