Utente 331XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 30 anni.
Scrivo per chiedere consiglio riguardo al mio problema di curvatura del pene.
Sin da piccolo ho avuto una tendenza del pene a stare verso sinistra, una cosa assai leggera e che partiva dalla base; l'asta si è sempre mantenuta dritta eccetto per un lieve incurvamento ventrale sul glande, risoltosi spontanemaente dopo un intervento di frenulectomia e di circoncisione per parafimosi.
Quindi a parte un leggero spostamento a sinistra, il pene è stato sempre praticamente dritto. Dal mese di maggio di quest'anno però ho cominciato a notare una curvatura dell'asta a sinistra, 1cm sotto al glande, sopratutto in fase di riempimento dei corpi cavernosi: la curvatura prima è brusca poi si addolcisce in fase di erezione massima. Il tutto associato ad una torsione sull'asse verso sinistra, sempre brusco all'inizio e poi meno marcato in erezione massima.
Con l'andrologo abbiamo effettuato un eco color dopler dinamico che non ha evidenziato problemi: corpi cavernosi apposto, vasi apposto, spessore della tonaca albuginea normale. Tuttavia la curvatura rimane e nei due mesi precedenti l'esame, è passata da 15° a 25° in max erezione per poi stabilizzarsi. Rimane però il fatto che in fase di riempimento e anche in stato di semi-flaccidità la curvatura sia sempre più evidente (in flaccidità prima non lo era) seppur in erezione rimanga ai valori sopra elencati. La mia domanda è: quali altri esami si potrebbero fare? da cosa può dipendere? è possibile che con la crescita uno dei due corpi sia cresciuto più dell'altro tra i 26 e i 30anni ? Con l'andrologo siamo d'accordo di vederci ogni 6-8 mesi per valutare la situazione e l'eventuale formazione di placche.
Nel frattempo assumo PEIRONIMEV+ due cp al giorno.
Vi ringrazio in anticipo
Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
un pene di 26 enne non si curva per sviluppo tardivo. O lei ha visto male (chiedo scusa, ma può essere) o è insorta patologia (Peyronie o fibrosi post traumatica) che lo hanno distorto. Di qua non posso saperlo. Sembrerebbe la I vista ecodoppler, ma l' esame ha dei limiti e pertanto va sempre abbinato alla palpazione in diretta.
In ogni caso mi pare assolutamente sensato quanto detto dal collega.
[#2] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
Dr. Cavallini grazie per la risposta innanzitutto.
Mi rendo conto che quella specifica domanda fosse quantomai illogica da parte mia ma era più che altro una banale curiosità.
Fibrosi post traumatica non credo in quanto non ho rapporti da Febbraio e comunque non ho accusato mai disturbi di tipo doloroso dopo aver avuto rapporti.
L'eco è stata eseguita ovviamente dopo la palpazione diretta che non ha evidenziato reperti. Per quanto io sia relativamente tranquillo mi rimane comunque il dubbio sul perchè di questo improvviso cambiamento in assenza di reperti alla visita diretta e agli esami strumentali. Continuerò a fare le foto a cadenza periodica sperando che la curvatura non si accentui ulteriormene ed in attesa di avere dei rapporti così anche da valutare se questi risultino difficili per me o per la mia partner ed eventualmente valutare una correzione chirurgica.
Grazie della disponibilità

Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mi pare approccio corretto.