Utente 234XXX
Ernia Ombelicale
Messaggio: Gentilissimi Dottori, desideravo avere alcune informazioni circa il mio prossimo intervento di Ernia Ombelicale,si purtroppo non l'ho ancora eseguito. Desideravo sapere, avendo una Ernia che credo possa considerarsi piccola, porta Erniaria di circa 5 cm, se è possibile che la stessa non venga chiusa,ovvero cucita, (a detta del medico) ma che venga soltanto messa la "protesi" a copertura. Pare che l'intervento possa essere iniziato in laparoscopia,così mi ha detto il chirurgo, e poi se necessario, continuata col metodo tradizionale, in laparotomia. Sono un paziente obeso che in passato ha subito 3 interventi consecutivi in zona addominale, cioè un bendaggio gastrico andato male con reintervento, e il terzo intervento per un laparocele apertosi sulla stessa ferita causa una infezione, ciò è avvenuto circa 20 anni fa. Naturalmente accetto e anzi chiederei parere e consiglio circa il da farsi e quello che mi è stato comunicato dal chirurgo, infatti ho letto che l'ernia o meglio la porta erniaria va sempre chiusa (cucita), è così?.Già un medico mi ha risposto che queste "pratiche" (quelle comunicatemi dal chirurgo) sono corrette.
Io ho invece espresso perplessità col chirurgo per l'approccio in laparo,ritenendo che i vecchi 3 interventi subiti abbiano lasciato diverse aderenze che possano creare problemi e,quindi,ho chiesto l'intervento in laparotomia,cui peraltro si potrà giungere in caso di difficoltà.Il medico non ha gradito l'interferenza circa il metodo da seguire,che ne pensate?
Ma la cosa che più tengo a sapere è se è "corretta" la NON CUCITURA (chiusura) dell'Ernia,con l'ovvio inserimento di protesi "appoggiata" (al peritoneo?) e/o come? L'intervento dovrebbe tenersi subito dopo le prossime festività,intervento già spostato circa 3 volte per varie importanti cause.
Gradirei un vostro ulteriore qualificato parere.
Con l'occasione voglio formulare tanti cari auguri di buone feste a tutti, medici e pazienti frequentatori del sito, e ancora un grande grazie ai responsabili del sito medicitalia che ci offrono la grande possibilità di questi aiuti.
Alfredo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Nell'obeso la laparoscopia è assolutamente un intervento indicato ovviamente se le condizioni cardiovascolari lo consentono. Questo lo deciderà ovviamente il chirurgo con l'anestesista. Inoltre l'approccio laparoscopico è particolarmente indicato nel diabetico poiché non crea ferite. Per quanto riguarda i pregressi interventi addominali non è possibile dire a priori se esistano aderenze in gradi di rendere impraticabile tale via.
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottor Rossi,
la ringrazio per il suo contributo, sempre molto chiaro.
Se mi consente però ho scritto anche altro oltre all'intervento in laparo o meno, mi piacerebbe capire qualcosa in più sulla "faccenda" della cucitura (chiusura/sutura) dell'Ernia o meno.
Grazie, cordiali saluti e con l'occasione tanti auguri per le prossime feste.
Alfredo
Sono la stessa persona a cui ha risposto +volte
[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
So chi è. L'intervento in laparoscopia consiste nell'inserire all'interno della cavità addominale una rete e poi fissarla con delle clips in tantalio alla parete addominale. È un intervento molto affidabile in termini di riuscita e di tenuta.