Utente 447XXX
Egregio Dottore,
a seguito del vecchio consulto dei giorni scorsi e a seguito di ripetuti episodi di tachicardia legati a stress di vario genere, mi sono recata oggi dal cardiologo. Le mie pulsazioni sono di norma 85 min mentre quando mi agito arrivo a 106 107, una sera per spavento anche a 124. Ieri mentre aspettavo di entrare a fare la visita alla tiroide ero agitata talmente tanto che per 30 min ho avuto tachicardia ed exstrasistoli frequenti.
Ho ipertiroidismo subclinico- iperoaratiroidismi dovuto pare ad un adenoma da confermare( eco di ieri dubbia) , come le scrivevo anche una lieve acidosi metabolica compensata da unalievissima alcalosi respiratoria da probabile iperventilazione.
Mi e' stato prescritto sequacor 1.25 meta compressa al giorno per 2 sett e poi compressa intera. Vorrei chiederle due cose: 1) che effetti ha sequacor a quei dosaggi sull' allattamento? ho un bambino di 2 anni che non ha mai preso il ciuccio, si attacca solo a titolo consolatorio al seno, dal quale vedo uscire di rado qualche gct di latte
2) per me che ho questa acidosi lieve metabolica puo' essere pericolosa assunzione di sequacor? ogni tanto ho dispnea, forse anche di tipo ansioso. ?
La visita di oggi non ha fatto emergere nulla ecg NORMALE, holter fatto a marzo 2013 (solo 72 besv) e ecocardio fatta a maggio 2012. Il cardiologo non ha ritenuto farmi rifare questi ultimi 2 esami.
In anamnesi prolattinoma, noduli tiroidei, iperparatiroidismo primario con calcemia altina 10.4 e ca2+ 1.35.
Grazie infinite del graditissimo parere

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, il Suo non può definirsi allattamento sia per l'età del bambino che per l'irrisoria quantità di latte da lui assunta. Pertanto non vedo controindicazioni alla prosecuzione della terapia.
Ritengo però utile che si sottoponga ad un ECG Holter per una precisa valutazione dell'andamento della Sua frequenza cardiaca nel corso delle 24 ore.
Infine, anche per la riferita acidosi metabolica di grado lieve, non c'è motivo di preoccupazione in corso di terapia con bisoprololo a bassa dose.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
Egrefio Dr
grazie della risposta. Volevo farle presente che io ho gia' eseguito holter 8 mesi fa che ha evidenziato 72 besv e tachicardia sinusale mentre salivo scale o cmq correlata a episodi di sforzo. In luce di cio rimane sempre del parere che debba riprenderlo prima di iniziare la visita? Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
I pochi dati che riferisce non mostrano nulla di significativo, e da soli non giustificherebbero la terapia betabloccante. Evidentemente i colleghi da Lei consultati sono in possesso di altre indicazioni che li hanno portati a prescriverLe il bisoprololo.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
In realta' ho comunicato alcardiologo di avere, soprattutto nell'ultimo periodo, episosi di tchcardia, per esempio dovevo fare una visita medica alla tiroide e oggi prima di entrare dal cardiologo, il cuore per la paura mi batteva fortissimo e avevo diverse extrasiatole. La tachicardia mi accompagna spesso nei momenti di stress o emozioni vari, essendo un soggetto molto ansioso .Oggi al primo ecg per esempio avevo 120 bm per la paura. Tutto questo tanto per farle un esempio. Io ho anche onformato il collega di avere problemi di iperparatiroidismo e ipertiroidismo subclinico. La dose che mi e' stata data e' mezza compressa da 1.25 die. Grazie ancora Dr. sempre molto gentile
[#5] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Sono d' accordo col collega. La terapia prescritta dovrebbe ridurre se non far cessare questi fastidiosi episodi di tachicardia inappropriata.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
Egregio Dottore,
mi perdoni se mi permetto di disturbarLa nuovamente, ma Le sarei infinitamente grata se potesse darmi un parere per quanto di seguito sto per esporle.
Come le dicevo nei precedenti consulti , sono in cura con Sequacor 1,25.
Per documentare l'effetto della terapia ho fatto , d'accordo col curante una nuova serie di accertamenti tra cui
-VISITA CORDIOLOGIA = tutto ok, il cardiologo di fiducia ha voluto poi completare per un quadro completo le indagini con
ECG = normale
ECOCARDIOGRAMMA fatto il 01/03= tutto benissimo a parte una trascurabile insufficienza tricuspidale, che mi hanno assicurato essere insignificante soprattutto nelle giovani donne magre .
TEST ERGOMETRICO AL CICLOERGOMETRO fatto il 19/03 = tutto bene, no comparsa di aritmie , no alterazione del tratto ST . Frequenza massimale raggiunta 150 b/m
HOLTER 48 H fatto il 12/03 = nelle 13 ore di registrazione nessuna aritmia, ergo il cardiologo , molto scrupoloso me lo ha fatto ripetere per via delle 35 h di artefatto
HOLTER 24 H fatto il 01/04 = nessun artefatto , 9 BESV, una coppia , 1 BEV , 84 bm frequenza media
IL motivo per il quale le scrivo riguarda la comparsa da circa tre giorni di episodi di tachicardia , il primo si è verificato appena dopo colazione mentre ero sotto la doccia , me ne sono accorta tastando il polso radiale , il ritmo era molto veloce, e nel mezzo di questa tachicardia ho notato 3 extrasistole, caratterizzate dal classico battito che salta e dal cuore che fa "croc" ( non rida la prego , non saprei come spiegarlo ) , e dopo la pausa compensatoria il cuore riprendeva a battere veloce come prima delle estrasistole.
Sono pur avendo 35 anni neopatentata ,ed oggi mentre accompagnavo il bambino a scuola, premesso che sono ancora timorosa al volante, la paura mi ha fatto partire una tachicardia che è durata per tutto il tragitto e non so cos' altro , visto che mi sono rifiutatata per paura di tastare il polso
Oggi dopo pranzo mentre ero distesa a letto di nuovo cuore un po' accelerato e queste scariche di extrasistole, non consecutive, ma ne ho avro avute almeno una ventina,
Premetto dottore che ho sempre avuto queste extrasistole, ma quello che MI TERRORIZZA letteralmente sono questi episodi ad "attacco " che mi fanno chiedere se un giorno o l'altro il mio cuore si possa fermare all'improvviso ...e sono li stesi motivi per i quelli effettuai anche l'holter nel 2011 e nel 2012, per via di attacchi di aritmie e che rivelarono quello del 2011 ( 42 BESV e nulla altro ) quello del 2012 ( 72 BESV e 1 BEV e null'altro )
Ma mi creda se le dico che stavolta mi sembra diverso .
Aggiungo poi che ho molte eruttazioni , ed in concomitanza di queste le extrasistoli aumentano , ma anche non in concomitanza.
Ho già effettuato tutti gli accertamenti di cui sopra, compresi anche prelievi ematici per la tiroide che sono ok stavolta,( in passato avevo ipertiroidismo subclinico da gozzo multi nodulare) non faccio cure per la tiroide, e poi ferro basso a 22 e ferritina bassissima a 4, da 15 gg sto assumendo Sideral Forte.
Le faccio presente che i miei ECG basali hanno sempre evidenziato un 'onta T invertita in V1, motivo che mi preoccupa
Il test da sforzo lo eseguito sotto beta blocco , avendo assunto un poco piu' di mezza compressa da 1, 25 al mattino mentre il test è stato effettuato alle 19 , quindi non so s sia attendibile al 100%
La ringrazio se vorrà darmi un parere , e mi scuso se non l'ho ringraziata per i consulti precedenti .
Grazie tante
[#7] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
La gran mole di esami cardiologici eseguiti fanno escludere con ragionevole certezza la presenza di qualsiasi tipo di cardiopatia organica. Quindi la sintomatologia riferita, anche considerandone le caratteristiche da Lei descritte, è da attribuirsi unicamente allo stato ansioso ed alla particolare sensibilità del Suo cuore a tale stimolo.
In conclusione, sempre considerando i limiti di un consulto a distanza, ritengo che la terapia betabloccante prescritta sia corretta, e che magari vada riconsiderata nel suo dosaggio (attualmente minimo) fino da riuscire a ridurre considerevolmente gli episodi di tachicardia che, sebbene innocui, La preoccupano così tanto.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
Grazie infinite Dottore,
del Suo graditissimo parere.
Volevo solo descriverle , scusandomi in anticipo per il disturbo il sintomo in maniera piu' precisa.
Queste tachicardie che io avverto incominciano con dei " colpi" in gola, che io non ho mai avuto in precedenza e oggi in particolar modo , appena sveglia e dopo che ero seduta sul divano in tarda mattinata ( in tutta tranquillità , quindi ) appena sono partiti questi colpi ho poggiato il dito sul polso , il quale era talmente leggero che a stento sono riuscita a sentire i battiti velocissimi e diverse pause tra un battito e l'altro tipiche dell'extrasistole, oltre che un ritmo disordinato ,
Sono perfettamente consapevole di essere una perfetta candidata ad un percorso di terapia psicologica che inizierò la prossima settimana, ma mi creda che questi sintomi mi spaventano tantissimo , soprattutto in questi ultimo 4 gg , non so cosa mi stia capitando . Soprattutto perché vivo sola con un bambino di 3 anni .
Ho contattato il cardiologo e mi ha suggerito di passare ad un compressa intera da , 25 mg , anziché 3/4...per stamane come le dicevo non ho visto grandi miglioramenti .....
quello di cui ho paura è che il mio cuore si " arresti " ....grazie infinite cmq della Sua costante gentilezza, competenza e disponibilità