Utente 273XXX
Buongiorno,
io e mia moglie non abbiamo avuto ancora esiti positivi in termini di gravidanza. Abbiamo rapporti non protetti da circa un anno.
Premetto che io ho vissuto (di questo anno) 6 mesi lontano a ca. 1000 km (rientravo a casa solo il we) e altri 6 mesi, sempre lontano, ma ad una distanza di ca.200km, con una frequentazione più assidua (abbiamo avuto rapporti nel periodo ovulatorio negli ultimi 6 mesi, poichè sono riuscito anche durante la settimana a rientrare almeno un giorno a casa).

Sottopongo l'esito dello spermiogramma (anche mia moglie sta effettuando i controlli del caso):

VALUTAZIONE CHIMICO-FISICA
Volume: 3ML
Aspetto: Bianco Latte
Viscosità: Normale
Fluidificazione: Normale
Tempo Fluidificazione: 10 minuti
pH: 7.2

ESAME DINAMICO AL MICROSCOPIO
Numero totale Spermatozoi: 81.0
Concentrazione Spermatozoi: 27.0
Vitalità: 73%
Numero totale/campo: 134
Numero Spermatozoi Attivi/campo: 71
Densità Spermatozoi attivi: 307.7
Motilità Totale: 53%
Classe Progressiva: 36
Classe non Progressiva: 455
Classe Immobili: 819
Densità classe Progressiva: 156.0
Velocità sul percorso medio (VAP): 10.3
Velocità curvilinea (VCL): 23.8
Velocità Progressiva: 7.6
N° in mov. Rettilineo/Campo: 10
Densità spermatozoi in mov. Rett.: 43.3
Motilità in mov.Rett.: 7.5%
N° in mov.rett.Veloce/Campo: 0
Densità in movimento Rett.Veloce: 0.0
Motilità movimento Rett. Veloce: 0.0

% Classe Progressiva (a+b): 26.9%
% Classe non Progressiva (c ): 26.1%
% Immobili (d): 47%

ESAME MORFOLOGICO
Forme Normali: 4.0%
Anomalia Testa: 95%
Anomalia Collo: 1%
Anomalia Coda

RBC. ASSENTI
WBC ASSENTI

Premetto che quest'esame era già stato effettuato da me nel 2011 e nel 2012 con esito normale (normozoospermia), a causa di una prostatite (la diagnosi in verità è stata variegata...alcuni parlano di prostatite, altri di sclerosi del collo vescicale, altri di interazioni con i disturbi da colon irritabile). Questo disturbo diciamo che viene e va e ci ho fatto il "callo". Gli esiti delle colture sono sempre stati negativi (non da ultimo la spermiocultura effettuata di concerto con lo spermiogramma di cui chiedo).

Volevo a questo punto capire se il risultato dello spermiogramma può considerarsi soddisfacente o è necessario intervenire in qualche modo.
Nel caso di intervento, fermo restando che sono sono consapevole che occorrerebbe un consulto di uno specialista, volevo chiedere che tipo di azioni attendermi.

Aggiungo che la raccolta per lo spermiogramma ultimo è stata effettuata con il pene non in erezione (un po' per l'agitazione), ma non compromettendo la raccolta del campione che è avvenuta con 3,5 giorni di astinenza. Volevo chiedere se può aver influito sull'esito.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
I valori dello spermiogramma sono sotanzialmente buoni anche se non ci si deve fossilizare nell'analisi dettagliata dello stesso in quanto la fertilità la fa la coppia e non il singolo. Credo che sia necessario un consulto dell'andrologo per eventualmente stabilire la necessità di eseguire altri esami di approfondimento o passare direttamente alla cura diretta a dare un "aiutino" agli spermatozoi aumentandone in questo modo le probabilità di concepimento.
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Dottore grazie molte per la risposta.
La cosa che mi lascia perplesso è che gli spermiogrammi eseguiti nel 2011 e 2012 erano nettamente migliori dell'ultimo (eseguito in un laboratorio differente dai primi due).
Ciò con una certa costanza di sintomi infiammatori. Anzi gli stessi si sono attenuati negli ultimi mesi per comparire circa 20 giorni prima lo spermiogramma ultimo.
I precedenti spermiogrammi erano migliori sia per la motilitá (dati più alti di motilitá progressiva) sia per le forme anomale che nel caso dell'ultimo caso sono pari al 95 % dato che mi preoccupa.
Sono in cerca di uno specialista. Chiedo cortesemente maggiori chiarimenti.
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
In corso di infiammazione delle vie seminali è normale che ci siano alterazioni della qualità dello spermiogramma.