Utente 331XXX
Salve, non senza imbarazzo vi racconto il mio problema. Sono un ragazzo di 33 anni che non ha mai avuto problemi di erezione, anzi, fino a qualche anno fa avevo erezioni quasi dolorose per la rigidità del mio pene. La conoscenza di una donna più matura che aveva fantasie per così dire da "dominatrice" mi ha portato ad avvicinarmi alla masturbazione anale. Ho praticato la penetrazione con oggetti talvolta di dimensioni rilevanti (maggiori delle dimensioni di un pene), la cosa inizialmente mi provocava grande piacere ed eccitazione e questa pratica è perdurata per diverso tempo fino a quando mi sono reso conto che tale pratica progressivamente indeboliva le mie capacità di avere erezioni. Oggi mi trovo a non avere più erezioni mattutine cosa che in precedenza avveniva quotidianamente (aiutata dal fatto che dormo in posizione prona), raggiungo una buona erezione solo da seduto e se mi alzo il pene perde rapidamente turgidità. Mi sento avvilito e stupido per essermi autoinflitto una simile menomazione e sono molto spaventato! Vi chiedo se questa sia una evenienza clinica in cui voi medici vi siate talvola imbattuti, se questa mia scellerata pratica erotica possa aver causato qualche danno ad esempio al muscolo bulbocavernoso, se vi siano degli esami specifici che possa fare e nel caso dei possibili rimedi.
Grazie
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato
28% attività
4% attualità
16% socialità
()
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Fossi in lei proverei con uno dei vari e ben noti farmaci. probabilmente il suo è solo un periodo di transitoria astenia , magari collegata a problemi di altro genere .

Cordiali Saluti.

[#2] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio molto per la risposta tempestiva ed in qualche modo rassicurante, in effetti i problemi sono peggiorati da quando ho cambiato lavoro ed ho intrapreso una professione parecchio stressante che mi impegna 12 ore al giorno, tuttavia non sono convinto che i miei problemi siano dovuti unicamente a ragioni di stress o a cause unicamente psicologiche. Può suggerirmi qualche esame specifico per il mio caso? Pensa che i famosi esercizi di Kegel siano efficaci per recuperare erezioni più vigorose? Grazie
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato
28% attività
4% attualità
16% socialità
()
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Sono esercizi che dovrebbero servire a rafforzare più che altro i muscoli del pavimento pelvico. Circa un effetto sul maggior vigore delle erezioni la correlazione è un po' dubbia.
Lei è giovane ed , in teoria , nel pieno delle forze. Allora , o i problemi ci sono sempre stati , oppure sono cominciati ora. Se sono cominciati di recente occorre analizzare fatti e situazioni che si sono verificati di recente: stress, squilibri endocrini , utilizzo di farmaci ,perdite di peso eccessive,diete squilibrate .
Non sto ad avanzare ipotesi più dettagliate , ma penso che con una visita approfondita da un buon andrologo ed alcune analisi mirate risolverà il problema.

Cordiali Saluti.

[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo alla risposta del Dr Casonato


la prima tappa è sicuramente una valutazione andrologica, sarà l'andrologo a diagnosi clinica effettuata a stabilire l'etiologia del d.e. ed eventualmente quale protocollo terapeutico stabilire per lei.

Aggiungo le mie riflessioni cliniche in merito al simbolismo della pratica in questione che probabilmente non è da sottovalutare

Queste pratiche, solitamente negli uomini, evocano fantasie di sottomissione e soprattutto elicitano paure dell'omosessualità, l'eccitazione provata dalla stimolazione anale, spaventa e nel tempo, se la struttura psichica non è salda e certa, potrebbe causare ansie ....che inevitabilmente sfociano nella funzionalità erettiva o potenza fallica.

Inoltre per un'accurata diagnosi e per ogni disfunzione sessuale, dobbiamo analizzare sempre:
i fattori predisponenti,
fattori precipitanti e
i fattori mantenenti ,
più la “storia del disturbo” clinico.


le allego delle letture ed un canale salute sul d.e, in attesa dell'intervento degli andrologi

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-10-cose-da-sapere
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologica-dalla-terapia-orale-per-il-deficit-erettivo
http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
[#5] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la sua risposta Dottoressa e per i link che ha allegato.