Utente 249XXX
Mia madre, 101 anni, il giorno dopo una caduta ha iniziato a soffrire di dolori al nervo sciatico che si attutiscono con la deambulazione, meglio ancora facendo le scale in salita. A tratti il dolore diventa insopportabile per cui siamo costretti ad imbottirla di antidolorifici che provocano però rialzo pressorio e limitazione della funzionalità intestinale.
Vorrei sapere se una epidurale, che credo essere più efficace e meglio tollerata, possa essere indicata in questo caso e se è possibile eseguirla a domicilio.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buongiorno, le pongo subito io un quesito e cioè se dopo il trauma sono state fatte delle indagini radiologiche per valutare se, in seguito alla caduta, sua madre ha riportato una frattura di qualsivoglia natura. A questa età anche lievi traumatismi possono determinare facilmente delle lesioni anche piccole sulla colonna che andrebbe valutata con una TC o una RMN. Concordo anche sul fatto che l'elevata assunzione di FANS per il dolore potrebbe facilmente portare a effetti collaterali che non sono solo quelli descritti.
Una terapia antalgica consistente in trattamenti con peridurali, se valutati utili dopo visita in ambulatorio di terapia antalgica del suo ospedale, possono essere eseguiti però in ambiente ospedaliero e non domiciliare.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
Sono stati praticati esami RX che non hanno accertato fratture ma artrosi e osteoporosi diffuse. Vorremmo evitare il trasporto in Ospedale che risulterebbe poco gradito, anche per esperienze pregresse poco piacevoli.
In alternativa l'agopuntura o la tens possono essere efficaci a Suo parere.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Penso che se usate in maniera complementare alla terapia farmacologica possano ridurre il quantitativo di antidolorifici non steroidei ed essere d' aiuto. Però rimane sempre il dilemma di trovare un professionista che possa effettuarla a domicilio. Certo i rischi sono minori rispetto alla prima ipotesi fatta che avrebbe richiesto l'uso di un ambulatorio medico attrezzato.
Rinnovo i saluti