Utente 284XXX
Gentili dottori di Medici Italia,

ho quasi 25 anni e sono un ex fumatore grazie alla sigaretta elettronica. So che non tutti sono d' accordo sull' utilizzo di quest' ultima, ma non è per questo che scrivo.

Vorrei chiedervi se chi ha smesso di fumare (la mia sigaretta elettronica tra non molto non avrà più nicotina) può intraprendere qualche percorso di cura del cuore per porre rimedio ai danni subiti in anni di fumo. Io personalmente ho fumato 10 anni, di cui i primi 4/5 fumavo 10 sigarette al giorno, i successivi 20.

Non vi sto chiedendo una cura precisa ovviamente, ma ho letto da qualche parte che ci vorrebbero altri 10 anni perchè il cuore recuperi i danni subiti nel mio caso, ma non so se sia vero. Sarei però curioso di sapere se è possibile agevolare questo recupero con qualche farmaco o se esiste una terapia che in genere i dottori prescrivono, naturalmente poi sarà compito di chi mi visita decidere, cerco solo qualche indicazione.

Intanto pensavo di fare qualche controllo, come analisi di sangue e urine che non faccio da parecchi anni e un ecocardiogramma. In questo senso avete qualche esame diverso da consigliarmi?

In attesa di una vostra risposta,

vi saluto e vi auguro un felice anno nuovo

Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No non esiste alcuna cura per ridurre i danni legati al fumo di sigaretta.
Diciamo che il rischio di tumore polmonare si riduce sensibilmente dopo il decimo anno dalla sospensione del fumo.
Il danno della nicotina sul cuore cessa invece non appena si smette di inalare nicotina: l effetto della nicotina sul circolo coronarico e cerebrale dura 20 minuti, con una intensa vasocostrizione.
Arrivederci