Utente 229XXX
Salve a tutti,
ho scritto un pò di tempo fa e volevo aggiornarvi su alcune cose che mi sono capitate;sono stato da un urologo a causa di un gocciolamento dopo urinato e per chiedergli dell'eiaculazione e mi ha sottoposto ad una esplorazione rettale rilevando una prostata molto dura al tatto;
terapia da seguire:
ciproxin 1cp a sera x 7 gg, 1 supposta topster x 10gg
da ripetere dopo 15 gg di riposo.
Dopo giusto un anno, durante un rapporto sessuale ho trovato del sangue nello sperma facendolo diventare di colore rosa( nel preservativo).
Lo stesso urologo mi ha fatto ripetere la cura aggiungendo le compresse clinnix uomo per 4 mesi.
Quando sembrava che tutto andasse per il meglio, all'improvviso mentre guidavo mi sono ritrovato gli slip bagnati di sperma;
Di nuovo lo stesso Urologo mi ha sottoposto ad un' ecografia transrettale rilevando una prostata di dimensioni normali ma le vescicole seminali congestionate.
Terapia consigliata:
Idiprost gold a sera x due mesi che tuttora eseguo.
Concludo dicendo che nonostante queste cure, non ho mai avuto benefici sull'eiaculazione precoce, nonostante lui mi avesse detto che sarebbe migliorata anche quella; in più da 4 mesi il mio medico curante mi ha fatto assumere 10 gocce a sera di cipralex che avrebbe a suo dire effetti positivi sull'eiaculazione, ma a me neanche questo fa effetto!!!
Devo proprio rassegnarmi ad eiaculare prima del previsto?
Mi sento davvero frustato.
Datemi dei consigli per favore!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello
48% attività
20% attualità
20% socialità
PONTECORVO (FR)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ha eseguito una spermiocoltura ?
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Sinceramente no, non mi è stato consigliato ne ci ho pensato;ma cosa indicherebbe?
[#3] dopo  
Dr. Andrea Militello
48% attività
20% attualità
20% socialità
PONTECORVO (FR)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
serve a verificare la presenza di infezione nelle vie seminali responsabile di fenomeni irritatitivi a tipo prostatite