Utente 574XXX
Vorrei un chiarimento
A seguito di un lungo malessere con febbricola ed astenia, ho effettuato numerosi esami.
Tra i valori alterati risultano le Igg vca del visrus epstein barr (>750) e del cmv (>100).
Esistono due scuole di pensiero a proposito.
Alcuni medici mi hanno riferito che tali valori indicano semplicemente che l'infezione e superata e non li considerano nemmeno, ho letto invece su internet che alcuni medici(omeopati, ma anche documenti della medicina ufficiale) li considerano come segnale di possibile infezione latente (tipica di questi virus).
Chiedo questo perchè un omeopata mi ha consigliato comunque una terapia per riattivare la produzione di anticorpi per debellare questi virus, in quanto potrebbero appunto essere ancora attivi nonostante le IGm siano rientrate nella norma.
Chi ha ragione ?
Può essere pericolosa questa terapia o al limite non produce alcun effetto ?
grazie
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Appartengo alla prima scuola che considera le IgG espressione dell'infezione pregressa.
[#2] dopo  
57445

dal 2009
C'è qualcun altro che ha voglia di esprimere un parere meno sintetico ?