Utente 332XXX
Buongiorno,
Da circa 4 mesi (inizio di Ottobre) mi frequento con una ragazza. Lei prende la pillola quindi abbiamo fatto sesso non protetto. Dopo circa un mese di frequentazione ho avvertito del bruciore mentre urinavo. Ho ignorato il fenomeno pensando che dipendesse dall'eccessiva attività, un paio di settimane dopo ho iniziato a insospettirmi, sia perchè il bruciore non passava, sia perchè il mio pene aveva un odore differente. Era un odore molto forte che non avevo mai sentito prima, inoltre il pene era sempre bagnato di una sostanza bianca. In tutto ciò la mia ragazza non avvertiva alcun sintomo (prima di lei l'ultimo rapporto è stato con il preservativo a Marzo) . Mi sono recato perciò in una farmacia, ai primi di Dicembre, che mi ha suggerito che poteva essere un problema di micosi e m'hanno dato una crema: pevaryl emulsione. I risultati si sono visti da subito. In particolare il forte odore è scomparso rapidamente, anche le secrezioni sono diminuite in maniera considerevole, il bruciore limitato. Da quando ho iniziato la cura ho fatto sesso solo con il preservativo, tranne una volta che si è rotto. Dopo un paio di settimane (metà dicembre) ho interroto il trattamento con la crema. L'odore è sparito, il bruciore c'era ma raro, le secrezioni c'erano ancora, erano però differenti da quelle iniziali: erano molto meno abbondanti e di un liquido trasparente, non bianco come all'inizio. Mi sono allora recato dal medico di base (fine Dicembre). Egli mi ha dato una cura composta da Augmentin (una al giorno, ora sono al 7°giorno per 12 giorni) e Sporanox 100 mg (due al giorno, per 8 giorni, sono al 7°). Il bruciore è scomparso ma le perdite ci sono ancora, sempre lievi ma costanti. Questi 2 medicinali mi sono stati dati perchè agiscono uno a livello batterico e l'altro micotico. E' possibile che siano in conflitto tra loro, o meglio che l'antibiotico inebisca lo sporanox? Consigliate ulteriori visite? Se si, presso quale specialista?
Scusate se mi sono dilungato.
Grazie mille per il Vostro servizio.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente


Si rechi il prima possibile da uno specialista venereologo per escludere da subito un'uretrite gonococcica.
Nel frattempo consiglio l'astensione da ogni rapporto sessuale (anche orale)

Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio Dottore.
Prima di giovedì mattina non potrò andare dal Dottore Venereologo. Domani terminerò la cura antibiotica a base di augmentin. Il flusso è nettamente diminuito, quasi nullo. Fermo restando che giovedì mi recherò dal Dottore, secondo lei l'augmentin può aver combattuto questo tipo di infezione o è stato inutile?
La ringrazio ancora
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Si esiste questa possibilità come quella di terapie non causali (ovvero il farmaco arresta il segno clinico ma non debella la patologia); inoltre in caso di uretrite gonococcica, il segno clinico passa ma la malattia insiste nell'organismo.

Per questo è utile il controllo.

cari saluti
[#4] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dottore,
Prima di tutto vorrei ringraziarla ancora per il tempo che mi ha dedicato. Oggi mi sono recato presso un dermatologo venereologo che mi ha visitato. Dalla visita del pene non ha notato sintomi evidenti. Perciò mi ha detto che c'è stata una risposta positiva all'augmentin che è essendo un antibiotico contiene penicillina che sconfigge questo tipo di batteri (non so se ho riportato il concetto correttamente). Tuttavia ha detto che per sconfiggerlo definitivamente devo prendere augmentin per altri 10 giorni 2 volte al giorno (precedentemente lo prendevo 1 volta al giorno). Al termine di questi 10 giorni dovrò aspettarne altri 15 prima di fare una nuova visita (senza influenza dell'antibiotico). Lui mi ha detto che in caso di presenza di liquido si farà un tampone, ma a quanto mi dice Lei io gli chiederò di farlo ugualmente dato che tale patologia può anche essere asintomatica.
Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Come supponevo: mi pare un modo corretto di agire: segua le indicazioni del suo medico.

cari saluti