Utente 716XXX
Gentili dottori,
ultimamente sono un pò preoccupata...causa la mia strana tachicardia, che il mio cardiolo ha definito accellerata.
Stavo effettuando una visita di controllo per un'assunzione, quando mi fanno l'elettrogramma. I mie battiti erano 130 al minuto. Probabilmente allarmati dalla situazione, mi effettuano un ecocardiogramma. Il cardiologo del policlinico mi fece una marea di domande...un'anamnesi completa, e poi mi consigliò di fare una visita specialistica...oltre ad alcuni esami del sangue.
Così feci, andai da questo famoso cardiologo della nostra zona, che confermò questa tachicardia accellerata...non c'erano evidenti segni di anomalie...e proseguì con una serie di analisi...tiroide, elettroforesi..ecc...ma non è mai risultato nulla. Ho 31 anni, sono di sesso femminile, e peso 50kg, per 1,68 di altezza.
I miei battiti continuano ad essere alti...in tutti i momenti della giornata...quando mi arrrabbio o quando sono particolarmente tesa...il cuore sembra voler uscire fuori dal petto, sudo freddo..avverto mal di testa, mi si annebbia la vista..ed ho caldo.
Avrei dovuto secondo il cardiologo ripetere la visita almeno dopo sei mesi..ma è da due anni che non ci vado.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Aniello Ascione
24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
la tachicardia è sinonimo di battito cardiaco accellerato,le cui cause sono molteplici.Le consiglierei di valutare dapprima la funzionalità della ghiandola tiroide,con il dosaggio degli ormoni(T3,T4,FT3,FT4,TSH,Ab antitireoglobulina) ed eventuale ecografia.
Pratichi un ECG dinamico secondo Hlter delle 24 ore per valutare il ritmo cardiaco nelle 24 ore.,e mi faccia sapere
cordiali saluti