Utente 331XXX
Salve voglio fare una domanda quasi antropologica ad uno psicologo del sesso:

intanto grazie ai vostri pareri e quelli di alcuni playboy miei amici ovviamente più fortunati come dotazione di me (13cm) sto cominciando a capire qualcosa sul probabile ruolo delle dimensioni nella sessualità argomento che mi mette un po' in crisi visto le mie dimensioni che lasciano il tempo che trovano. Di primo impatto mi pare di intuire che le donne che cercano specificamente patners dotati (una minoranza mi dicono) abbiano una sessualità più bestiale oppure ninfomane mentre le altre sono più equilibrate o/e sentimentali, forse la chiave di tutto è qui. Però non mi convince affatto una cosa: perchè l'industria dell erotismo punta sempre e solo sul modello delle grosse dimensioni dell'uomo? Basta andare in sey shop e trovarsi tanto per iniziare in mezzo a falli di plastica esagerati e per finire a film hard con attori ben dotati o super. Se è una minoranza attenta a queste dimensioni, l'industria si preoccupa a vendere di meno? E' come se questa società abbia eletto la dotazione del fallo come un totem di erotismo e identificazione del maschio e questo discorso va avanti senza fermarsi dall'antichità. Se le dimensioni non sono affatto correlate al piacere femminile di per sè a che serve riprodurre solo falli di plastica giganti (che le etichette definiscono oltretutto "reali") ad esempio?

(ps: A volte i vostri pareri suonano un po' punitivi rispetto ai nostri quesiti sui cm però cercate di capire noi giovani maschi come me o messi anche un po' meglio che si trovano faccia a faccia con questa mentalità e si pongono dei quesiti.)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

il mondo è pieno di questi "slogan pubblicitari" che si rifanno anche sulle debolezze culturali degli individui, la cosa importante è sapere cosa si vuole raggiungere per star bene con se stessi, poi tutto il resto non conta.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
Daccordo con questa valutazione però fabbricare vibratori e falli di gomma con dimensioni ben superiori alla media in Italia che dite di 12 o 13 cm per soddisfare il piacere femminile la dice lunga no?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

la commercializzazione di tali prodotti è mondiale e non Italia, e comunque questo non è il sito adatto per indagare in questo senso.

Un cordiale saluto
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Certo che la dice lunga, poichè il marketing (ovvero l' arte di vendere) fa leva sull' inconscio infantile della quantità, non sulla qualità.
[#5] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
Grazie.