Utente 325XXX
Salve dottore,
per circa un anno, ho praticato palestra facendo anche esercizi addominali quasi tutti i giorni, e dal mese di giugno, mi sono accorto che quando mi arco con l'addome in avanti noto un bozzo a forma di uovo che parte da 2, 3 cm da sopra all'ombellico e termina a punta verso l'alto lungo la linia alba, non ho nessun dolore e nessun fastidio, se tocco questo 'bozzo', non mi fa male e sembra abbastanza morbido. (credo)
Tutto ciò scompare quando sono in posizione normale,
premetto che dal mese di agosto non vado più in paletra...
potrei avere qualche consiglio?
la ringrazio.....
[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Solo una visita permetterà di sapere se la tumefazione rilevata è un'ernia addominale o una semplice diastasi ( rilasciamento) dei muscoli retti dell'addome.
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Grazie Dottore.
ah, mi sono dimenticato di scrivere la mia età, ho 40 anni e sono alto 1,75 per 69 kg di sesso maschile.
mi chiedevo, ma visto che non mi comporta nessun tipo di dolore e fastidio, bisogna comunque ricorrere per entrambe le patalogie....a quache intervento chirurgico?
potrei di nuovo andare in palestra tralasciando la zona addominale?
Grazie di tutto,
Massimo
[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2011
Prima di dare risposte è indispensabile capire di cosa si tratta la tumefazione riscontrata.
[#4] dopo  
Dr. Salvatore Cuccomarino
24% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Gentile Signore,
concordo, la prima cosa è capire se si tratti di un'ernia o di una diastasi dei retti, anche se il fatto che la tumefazione sia comparsa dopo un periodo di sforzi intensi (esercizi addominali quasi quotidiani in palestra per un anno) e la sua forma "a uovo" mi farebbero pensare per prima cosa ad un'ernia. Ma è un'ipotesi del tutto personale, che dev'essere confermata dall'esame fisico. Nel caso dell'ernia, è indicata la riparazione protesica (se le dimensioni sono quelle che lei ha descritto, ovvero "circa un uovo"), anche per via laparoscopica; se si tratta di una diastasi, la riparazione assume molta meno importanza dal punto di vista funzionale, ed ha un sapore più "estetico", relizzandosi in genere per via anteriore (ossia aperta e non laparoscopica).
Cordiali saluti.