Utente 332XXX
Salve,
sono una ragazza di 32 anni. Da circa un anno ho scoperto di soffrire di ipertensione e dopo una serie di accertamenti (holter pressorio, holter dinamico e follow-up ipertensivo) ho iniziato la terapia con mezza compressa di lobivon da 5 mg.
La terapia mi è stata prescritta anche per ridurre la frequenza cardiaca.
Insoddisfatta del cardiologo che mi ha seguita (non mi ha fatto una diagnosi precisa) ho deciso di chiedere un consulto ad un altro medico il quale, verificati gli esami fatti, mi ha consigliato di completarli con un'eco ai surreni, analisi del sangue ed esame delle urine delle 24 ore (nello specifico VAM, renina, aldosterone, catecolamine, cortisolo).
L'eco non ha evidenziato nulla di anormale. Dagli esami invece è risultato un Vam leggermente elevato (7,2 val. di rif. 1,8-6,7), tutto il resto è nella norma.
Facendo qualche ricerca su internet ho letto che un vam elevato si ha in presenza di feocromocitoma ma ho cmq verificato che in presenza di questa patologia anche i valori delle catecolamine dovrebbero risultare alterati e nel mio caso non lo sono.
la mia domanda è: considerati questi risultati è opportuno fare ulteriori accertamenti per escludere la presenza di un feocromocitoma?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Tutto normale, inclusa l'ecografia renale, solo un lieve aumento dei metaboliti delle catecolamine. Non mi sembra proprio che ci siano gli estremi per pensare a un feocromocitoma. che è un tumore RARISSIMO, e di solito dà crisi ipertensive importanti, non una semplice ipertensione.
Stia pure tranquilla.
[#2] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2014
Grazie mille per la risposta.
Le chiedo un'ultima cosa. Il valore alterato del Vam che è stato riscontrato da che cosa dipende? è quello che genera la mia ipertensione?
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
VAM è l'acido vanilmandelico, un metabolita delle catecolamine. Siccome nessun dosaggio di laboratorio è precisissimo, che le catecolamine sono secrete normalmente nel nostro organismo (soprattutto in condizioni di stress), che nel suo caso non c'è clinica suggestiva di feocromocitoma, credo che si tratti di un falso positivo.
Si dia un po' di tempo, controlli come va con la pressione ed eventualmente si rivolga a un centro per l'ipertensione.