Utente 724XXX
Buongiorno, ho 33 anni e la mia è una storia lunga e non facile.
Il 13 dicembre scorso mi sono sottoposta ad un intervento di rialzo di seno bilaterale e innesto contestuale di parte degli impianti pianificati nelle arcate superiori. Intervento ben riuscito anche se lungo e difficile.
Una settimana dopo ho accusato forti dolori nel dente del giudizio INFERIORE DX in pulpite. Il dente era pilastro di ponte e, per salvarlo, è stato devitalizzato, o tentato di devitalizzare, visto che dopo ben sette interventi ancora i dolori erano presenti.
Io ho, poi, deciso di farmelo togliere poichè nemmeno le punture di cortisone mi aiutavano. Tolto il dente, dopo due giorni i dolori sono stati atroci, e mi è stata diagnosticata una alveolite post-estrattiva.
Presa troppo tardi probabilmente, l'infezione ha intaccato l'osso e ho dovuto sottopormi ad un dolorosissimo courettage all'osso.
I dolori, fortissimi nel post operatorio, sono diminuiti in un mese con potenti antinfiammatori (fino alla codeina).
Sono stata bene tre mesi circa, ma oggi i dolori si sono ripresentati facendomi precipitare nella disperazione. Il tipo di dolore si irradia dalla zona interessata fino all'orecchio (calore) e alla parte dx del viso, con bruciore e formicolio della lingua nella parte immediatamente vicina alla zona. Le ipotesi sono un interessamento del trigemino o un problema di masticazione. Porto un bite, ma con scarso risultato.
Attendo qualche commento/consiglio e vi ringrazio per l'attenzione
I FANS fanno poco effetto e

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Gianluigi Giammaria
24% attività
0% attualità
12% socialità
RAVENNA (RA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
gentile signora,
oggettivamente è un pò anomalo che i dolori si siano ripresentati dopo ben tre mesi dall'estrazione. è ovviamente da capire la noxa
l'ideale sarebbe quindi che lei si ripresentasse dal suo odontoiatra di fiducia e far presente questo problema. sicuramente le richiederà degli esami idonei (che possono variare da una semplice endorale, alla ortopantomografia sino ad una tac) atti a capire la causa dell'insorto dolore; e se la causa non è di origine odontogena saprà direzionarla verso altri specialisti
si rechi con fiducia dal suo odontoiatra e non disperi
cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 724XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottor Giammaria,
nel ringraziarLa per la cortese risposta, continuo a sperare di trovare una soluzione senza dover per l'ennesima volta intervenire chirurgicamente.

Grazie ancora