Utente 309XXX
Gentili Dottori, in settimana ho ritirato lo spermiogramma di mio marito, al laboratorio analisi mi hanno detto che è tutto nella norma e che i suoi valori rientrano in quelli di riferimento ( sec. WHO 2010).
Ma visionando il referto e premettendo la mia più totale ignoranza in merito, ho avuto modo di vedere che le "forme tipiche" sono il 9% e quelle "atipiche" il 91%. Onestamente sono un pochino preoccupata e non vorrei che questa percentuale possa impedire il concepimento, considerando che ci proviamo da quasi un anno. Riporto comunque tutti i valori, in modo che possiate avere un quadro completo della situazione e darmi qualche consiglio nell'attesa di una visita.

Aspetto: Opaco
Colore: Bianco
Volume: 2.7/ml
Viscosità: nella norma
Liquefazione: Regolare
Leucociti: 1.500,00/ml
Cell. Immature: 3%
PH: 8,5

Sperm./ml: 34.000.000 - Sperm/Eiac.: 91.800.000

MOTILITA' DOPO 60':
Progressiva: 35%
Totale: 60%
Immobili: 40%
MOTILITA' DOPO 120':
Progr.: 30%
Tot.: 50%
Imm.: 50%

VITALITA': Esclusione dell'Eosina 81%

PERCENTUALE MORFOLOGICA:
Forme tipiche: 9%
Forme atipiche: 91%

Mio marito al momento è fuori per lavoro, per cui la visita da un medico specializzato è rimandata, nell'attesa vorrei sapere se con questi valori è possibile il concepimento, o se questo sarà difficile.
Vi ringrazio per l'attenzione e attendo con ansia una Vostra risposta.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,lo spermiogramma é certamente fertile ma la certezza di se,quando e come rimarrà incinta…nessuno la può dare.I parametri espressi dallo spermiogramma offrono unicamente una estrapolazione statistica del potenziale di fertilità del partner,che va correlata con l'età della moglie,con il tempo da cui si cerca un figlio,con la diagnosi ginecologica e,soprattutto,con la diagnosi andrologica,cui la rimando.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 309XXX

Iscritto dal 2013
Grazie infinite Dottore per la celerità della sua risposta, mi ha dato una speranza che onestamente iniziavo a perdere.
Ha ragione, non sono stata molto precisa nelle informazioni: mio marito ha 35 anni ed io 33, stiamo provando a concepire un bimbo da un anno, ma sono sincera, i primi mesi non con molto impegno.
Negli ultimi mesi invece stiamo cercando di concentrare i rapporti nel mio eventuale periodo fertile, dico eventuale perchè so benissimo che nulla è certo, nonostante a volte abbia anche usato il test di ovulazione.
Il mio ginecologo mi ha prescritto varie analisi dalle quali è emerso che ho la prolattina leggermente alta, ma nonostante questo, sottoponendomi a monitoraggio ovarico, ha verificato che l'ovulazione avviene comunque.
Dopo essersi sincerato che non vi siano problemi all'ipofisi ( effettuata risonanza magnetica) mi ha comunque prescritto il dostinex in piccole quantità, proprio perchè il valore non è altissimo ( 53 su un massimo di 27).
Ora dopo vari controlli, lo stesso ginecologo mi dice che è tutto ok!
Ora attendiamo visita dall'andrologo.
Onestamente quel 9% mi ha fatto abbattere parecchio, ma se secondo Lei ci sono buone probabilità di concepire un bimbo con questi valori (fermo restando una visita da andrologo), sono più serena.
La ringrazio sinceramente.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
…il 9% di forme anomale,rientra nel range di normalità.Non credo sia fruttuoso concentrare obbligatoriamente i rapporti nel "periodo fertile",in quanto la serenità della vita sessuale va preservata.
E' sufficiente avere rapporti regolari,per garantire la probabilità di fecondazione legate al parametro cronologico.Codialità.