Utente 318XXX
Salve gentili medici volevo sapere un informazione...nel giugno 2010 ho avuto unepisodio di rigonfiamento dei linfonodi con seguito di fortissimo mal di gola...il medico mi ha prescritto un antibiotico e il giorno dopo mi sono riempito di macchie rosse in tutto il corpo...in preda a un prurito insopportabile sono andato dal dermatologo di fiducia che mi ha detto che potea trattarsi di reazioe allergica all antibiotico e mi ha dato una cura con cortisone...poi mi ha consigliato di effettuare esami per la monucleosi veli riporto in dettaglio:
-Albumina,alfa 1 e 2, beta 1 e 2, gamma (i numeri sono compresi tra i valori di rifeimento) commento: tracciato elettroforetico nei limiti della norma; assenza di anomalie qualitative
-Diagnostica sierologca reaz. per mononucleosi: Postiva
-Tit. antistreptolisinico (TAS) 63 iu/ml
-Microscopia clinica profilo urinario (i numeri sono compresi tra i valori di rifeimento) tra cui anche globuli rossi 2 num/uL, globuli bianchi 2 num/uL, Batteri assenti e cellule epiteliali 1 num/uL
-Ac. anti- coxsackievirus IgM positivo
-Ac. anti- coxsackievirus IgG Negativo
-Diagnostica ematologica tutto i compreso nei valori di riferimento eccetto Eosinofili 0.00
-Metabolismo biochimico (tutto compreso nei valori di riferimento)
-metabolismo proteico(tutto compreso nei valori di riferimento)

Dopo poche settimane le macchie sono sparite il mal di gola pure, però non ho fatto altri esami per vedre se il virus sia stato deinitivamente debellato...volevo appunto chiedervi gentili dottori, ho saputo in quesi giorni che se il virus rimane nel corpo può portare anche a malattie gravi...io che non ho fatto nessun esame dopo la guarigione ho sbagliato?il medico doveva presrivermeli o posso stare tranquillo? v ringrazio gentili medici

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gentile utente, innanzitutto la reazione cutanea che lei ha manifestato tre anni or sono (esantema) è tipica di un'infezione da EBV trattata con amoxicillina/ampicillina e verosimilmente non è stata una reazione allergica a beta lattamico. In passato, nel dubbio di un processo acuto imputabile alla mononucleosi, medici un po' piu' anziani del sottoscritto, somministravano amoxicillina/ampicillina e se nelle 24-48 ore successive compariva l'esantema suddetto facevano brillantemente diagnosi di infezione acuta da EBV.
Ritornando alla sua domanda, stia assolutamente tranquillo, poiché non c'era nulla e non c'è nulla da controllare ed il suo medico si è comportato benissimo. L'infezione da EBV è comunissima e diffusissima: si stima che oltre il 90% delle persone con più di 20 anni abbiano contratto l'infezione e sono rarissimi i casi di complicanze (per lo più pazienti gravemente immunocompromessi e con comorbidità gravi).
Distinti saluti, non si preoccupi. A disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.
[#2] dopo  
Utente 318XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore, innanzi tutto voglio ringraziarla per la risposta...poi volevo dirle che i miei timori derivavano per la correlazione tra mononucleosi e sclerosi e altre malattie di cui ho sentito parlare e quindi mi sono subito informato per dei chiarimenti! posso stare tranquillo quindi?
[#3] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
In letteratura sono presenti quasi tutti studi osservazionali . Essendo una malattia diffusissima si potrebbe correlare tranquillamente con qualsiasi patologia e mi spiego meglio: se abbiamo detto che oltre il 90% delle persone con più di 20 anni hanno contratto l'infezione è ovvio che di questo 90% se un 15% di essi svilupperanno dopo altre patologie, qualsiasi studio osservazionale metterà in evidenza una correlazione. Qualche studio un po' più attendibile sulla correlazione tra EBV e malattie degenerative o tumorali esiste, ma ad oggi nessuno ha dimostrato una correlazione diretta. Anch'io ho contratto l'infezione da EBV e se un giorno svilupperò qualcosa non potrò imputare la patologia al suddetto virus. Dorma tranquillo, anche perché, se anche fosse, niente ci può fare. Saluti.
[#4] dopo  
Utente 318XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio moltissimo per la sua disponibilità..mi ha tranquilizzato...Grazie ancora
[#5] dopo  
Utente 318XXX

Iscritto dal 2013
Dottore, volevo approfittare della sua competenza e gentile disponibilità per chiederle un altra cosa...un paio di settimane fa mangiando riso in bianco finito di mangiare ho notato che avevo il palato "screpolato" ma non ci ho fatto molto caso, oggi ho mangiato ancora riso con i funghi! nessun problema al palato ma ho cominciato ad avere strane sensazione allo stomaco come di pesantezza accompagnato da un senso di nausea...anticipo che in questo periodo soffro un pò di reflusso...può essere allergia al riso? se si ho recato danno all'organismo? grazie
[#6] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Niente di particolare...probabilmente il tutto secondario ad un po' di gastrite, niente di particolare
[#7] dopo  
Utente 318XXX

Iscritto dal 2013
gentile medico mi perdoni se voglio approfittare della sua immensa disponibilità e competenza con l'ultima domanda da uno che si preoccupa per nulla...inizio dicendole che a volte soffro di colon irritabile e a volte quando mangio pizza oppure bevo latte mi vengono episodi di diarrea..ho 3 mesi fa un ecografia all addome con esito tutto nella norma e fatto il test per la transglutaminasi le riporto il responso :
DIAGNOSTCA AUTOIMMUNITARIA: IgA 1 UA7mL; IgG 1 UA/mL;

DIAGNOSTICA ALLERGOLOGICA: P-IgE TOTALI 30 IU/ml

ora volevo porle la mia domanda, una volta mangiando uno yogurt ho avuto come un senso di nausea forte come se dovessi rimettere...e altre volte magari mangiando 2 yogurt di fila(mi è capitato una volta) ho avuto diarrea! può essere un intolleranza al lattosio? se si bere cibi che contengono latte o tracce di esso possono portarmi a problemi seri come per la celiachia se non viene diagnosticata? la ringrazio anticipatamente
[#8] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gentile utente, ma se lei riferisce di soffrire di colon irritabile ed assume farmaci ad azione funzionale gastrointestinale ne desumo che qualcosa che non va già e' accertato. Perché dunque , si meraviglia che alimenti acidi o altamente irritanti le creino qualche fastidio? Purtroppo non ho conoscenza diretta dei suoi problemi ma da quello che lei scrive credo che non ci sia nulla da approfondire . Saluti e spero (con le suddette considerazioni) di aver risposto alla sua domanda.
[#9] dopo  
Utente 318XXX

Iscritto dal 2013
no gentile medico non prendo farmaci..diciamo che i fastidi non mi vengono ogni qual volta mangio alimenti di quel genere...ma sporadicamente diciamo