Utente 329XXX
Salve, come precedentemente chiesto soffro di ipersensibilità del glande. Per ricordare incollo il consulto chiesto in precedenza:
"Salve, da quando ero adolescente ho avuto problemi nello scoprire completamente il glande, tralasciai questo problema finchè anni avanti scoprii che esso riusciva a scoprirsi perfettamente da solo e quindi il problema si era risolto autonomamente. Soltanto che adesso mi ritrovo con una sensibilità al glande abbastanza accentuata.
Da due mesi circa, sotto consiglio del dermatologo datomi senza nessuna accertazione della causa e senza controllo anche visivo dello stesso, il quale a parer mio la prende molto alla leggera la questione, mi ha consigliato di usare a giorni alterni il Gel Reidral Gel spalmandone un po sul glande e avendo cura tutti i giorni di pulirlo con sapone con basso tenore tensioattivo.
Mi rendo conto aver perso tanto tempo compromettendo anche parte della mia vita sessuale, confido in una sincera e risolutiva, per quanto possibile, risposta."

Oggi 13/01/2014 ho deciso che forse è il caso di chiedere consulto ad un andrologo vero e proprio dove ne ho trovato uno nei paraggi che accetta la visita tramite appuntamento privatamente.
Il mio dubbio consiste in questo: dopo aver fatto estenuanti ricerche aver letto tutte le discussioni possibili e inimmaginabili tutti riportano le stesse soluzioni pressochè poco e quasi nulla funzionali.
Esisterà tramite cura di uno specialista una cura pressochè definitiva del mio problema? Anche perchè questo andrologo richiede circa 140€ a visita ed essendo un lavoratore precario mi graverebbe molto spendere tanti e tanti di questi soldi ottenendo poi le stesse risposte che finora ho avuto...
Confido in una vostra sincera risposta, grazie a tutto lo staff.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

una condizione di "ipersensibilità" del glande è quasi sempre legata a problemi di facilità di scorrimento del prepuzio sul glande stesso e non può essere risolta, almeno per quanto concerne la mia esperienza, con creme unguenti o pomate ma solo con una semplice circoncisione,Si faccia vedere da uno specialista andrologo o consulti uno specialista andrologo o urologo del SSN
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 329XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per i consigli dottore, ma premesso che non ho avuto al momento rapporti con i partner avuti quindi non so se soffro o meno di eiaculazione precoce, l'unica cosa che so è che scoprendo il glande e toccandolo o sfregandolo fa male (tranne in alcuni casi in cui sia nella massima erezione dove sembra dimezzarsi la sensibilità) il che mi fa pensare che essendo così sensibile porti ad una eiaculazione precoce.
Quindi non sapendo ciò vorrei procedere sotto guida e consiglio medico all'operazione di neurotomia grandulare con o senza circoincisione appunto per abbattere questa sensibilità eccessiva ed essere quindi più sicuro in un futuro rapporto sessuale con l'altro sesso...
Spero in una sua risposta, grazie e buona giornata.