Utente 332XXX
E'' la quarta volta che invio questo consulto ma nessuno mi risponde!!!. Non ho medico di base nella città in cui vio. L''unica possiblità sarebbe il pronto soccorso ma non vorrei recarmici per un problema che potrebbe essere considerato banale. Ebbene sono un ragazzo, ed in seguito a rapporti orali non protetti, igiene intima troppo aggressiva o non so cosa, sta di fatti che comunque mi sono comparsi dei puntini bianchi sul pene. all''inizio erano 2 piccolissime macchie (agglomerati di puntini) bianche sul prepuzio ed qualche puntino subito sotto il glande. sul glande, invece, arrossamento e lievi puntini rossi. Nessun bruciore né prurito. Ho fatto una ricerca su internet ed ho deciso di innaffiare il tutto con aceto di mele 2 o 3 volte al giorno (che veniva indicato come cura possibile per varie malattie tra cui papilloma virus e candida), ma visto che la situazione non migliorava ho provato ad applicare un gel all''aloe vera costantemente (5 o 6 volte al giorno) e ad assumente integratori di vitamina A e a limitare gli zuccheri. In circa una settimana i puntini bianchi, che si stavano espandendo, sono a poco a poco scomparsi ed ho quindi smesso di applicare il gel, di fare la dieta e di astenermi dai rapporti sessuali (sempre solo orali, non ne ho avuti completi se non col preservativo!), pur continuando a prendere vitamina A. I puntini bianchi sono improvvisamente riesplosi molto peggio di prima interessando anche il glande. ho provato di nuovo col gel di aloe ma, pur sembrando contenere, non dava sicuramente i risultati della volta precedente, così ho fatto un''altra ricerca su internet ed ho acquistato in farmacia il "tee tree oil". L''ho versato subito puro ed in grande quantità su glande e prepuzio ed ha avuto un effetto caustico e di bruciore intenso. La situazione inizialmente sembrava peggiorare, il glande si era quasi tutto cosparso di puntini bianchi (simil-ricotta) ed il dolore si è fatto molto intenso a causa dell''effetto caustico appunto (prima di mettere l''olio, ripeto, non avevo nè bruciore nè fastidi). Ma in capo ad un giorno o due uno strato di pelle si è staccato dal glande e dal prepuzio, e dove c''erano i puntini bianchi più grossi sono rimasti dei buchini (che si sono subito rimarginati). Ho poi usato olio di argàn per far rimarginare il tutto. Ora il pene sembra aver preso un aspetto sano, ma ho sempre qualche lieve macchiolina rossa e ieri mi era ricomparso di nuovo un puntino bianco (che versando il tee tree oil, in qualche secondo è subito scomparso lasciando il posto ad un buchino che si è rimarginato. Può trattarsi di candida? o di papilloma virus? Nel frattempo ho cominciato a prendere per bocca 3 gocce di tee tree oil 5 o 6 volte al giorno (su internet dicono che fa bene) ed il glande ha preso un aspetto sano e normale... quindi non dovrei più preoccuparmi di nulla? O c''è ancora pericolo di qualcosa? Per quanto devo continuare a prendere il tee tree?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

non posso credere che uno specialista andrologo o dermatologo sia così lontano da dove vive tanto da essere irragiungibile!.Invece di curarsi con farmaci e prodotti "strani" desunti dal web e che potrebbero complicare la situazione, faccia i 20-30 Km che sicuramente la separano dall'ospedale più vicino dove potrebbe consultare ambulatoriamente con il SSN o a pagamento uno specialista privato.
Immagini che alla stessa distanza ci sia una sua amica o un concerto o una partita di calcio....motivi validi per fare una trentina di km e spendere qualche soldo
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2014
grazie comunque per la risposta dottore, ma il problema come le scrivevo non è la lontananza. Ospedali vicini ce ne sono. Il problema è che spesso al pronto soccorso "criticano" chi viene a curarsi o a fare una visita non essendo in fin di vita.
Comunque come dice il titolo ero più che altro, per la mia salute, interessato a sapere se dalla descrizione dei sintomi potrebbe trattarsi di candida o papilloma virus.
E s anche: se facessi una visita da un dermatologo o un andrologo adesso o a breve, potrebbe rivelarsi utile visto che al momento non ho più puntini nè sintomi? Oppure andrei per nulla, visto che un dermatologo senza vedere nulla non penso potrebbe fare una diagnosi sicura, esattamente come non penso la potrebbe fare lei, sicura al 100%, solo con la mia descrizione dei sintomi scritta....però sarei interessato comunque a sapere la sua opinione, io non sono esperto e non so se i sintomi descritti posso essere sufficienti per lei a fare una diagnosi o meno ma ci provo... Però se almeno potrebbe rispondere almeno alla seconda domanda mi sarebbe molto utile... Perchè giustamente se andassi da un dermatologo senza avere per il momento nulla di visibile, nè nessun altro sintomo mi potrebbe chiedere cosa sia venuto a fare... Per quello chiedevo anche se non mi dovessi preoccupare più di nulla. Grazie mille ancora