Utente 207XXX
Gentile medico, buonasera.

Le scrivo in quanto vorrei un consiglio su un'episodio che è accaduto oggi al mio compagno. Ha 24 anni, fumatore, studente e conduce una vita piuttosto sedentaria.
Oggi ha avvertito un "calo della vista" nel senso che vedeva un pò sfocato. Successivamente ha avuto una forte emicranie (ne soffre spesso). A questi sintomi si sono aggiunti dei "fasci luminosi davanti agli occhi".

Successivamente ha avvertito uno strano formicolio e perdita di sensibilità ad entrambe le mani, ma soprattutto alla mano sinistra (le ultime 3 dita in maniera molto accentuata) ed è impallidito. Più muoveva le mani, più i sintomi si facevano forti. (invece, in genere, il formicolio passa muovendo l'arto in questione).

Dopo una decina di minuti i sintomi sono scomparsi, e a suo dire, è stato meglio.
Posto il fatto che spesso soffre e ha sempre sofferto di emicrania, secondo lei può significare qualcosa di più importante il formicolio/perdita di sensibilità alle mani?

(Circa un anno e mezzo fa aveva avuto un episodio di perdita di memoria e spaesamento momentaneo, nel senso che per alcuni minuti non riusciva a ricordare i nomi delle persone care, ciò che stava facendo e perchè era li. Questo episodio non si è più presentato.)

Sono molto preoccupata.
La ringrazio per la risposta e poro i migliori saluti.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'episodio descritto è probabile che rappresenti un attacco emicranico con aura, in questo caso aura visiva (il disturbo della vista) e aura sensitiva (formicolio e perdita di sensibilità).
Ovviamente questa è solo un'ipotesi a distanza, per una diagnosi corretta è necessario effettuare una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee.

Le invio due link sull'emicrania con aura.
http://www.medicitalia.it/minforma/neurologia/31-emicrania-aura.html

http://www.medicitalia.it/salute/emicrania#Emicrania_con_aura

Cordiali saluti