Utente 246XXX
Buongiorno,
a me sono stati prescritti quasi tutti i medicinali per l'eiaculazione precoce: cialis levitra priligy e per un periodo ho chiesto il caverjet per evitare i fastidi da questi procuratemi.
Siccome ulimamente prendevo cialis da 5 mg e mi procurava mal di testa, ho preso la decisione di fermarmi.
Non volendo smettere del tutto, per darmi l'illusione di non aver abbandonato il campo mi ero messo dell'idea di prendere qualcosa in erboristeria.
Un qualcosa che non mi crei quel mal di testa e intontimento generale.
Chiedo quindi cosa posso chiedere di valido per gestire la mia problematicità.
Capisco che non si arriverà all'effetto del farmaco, ma questi handicap mi rovinano la giornata.
Per cui mi accontenterei di meno ma che mi permetta di vivere in serenità.
Grazie
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,un forum medico non può che riferirsi a terapie che rientrano nella farmacopea ufficiale,e,quindi,non ha la competenza per indicare presunti "omologhi" dei farmaci ufficiali.Nello specifico,non si indica le posologie dei farmaci assunti né la tempistica relativa.Capisco il disagio ma,spesso,in questo campo,il rimedio…é peggiore del male…Il quadro prostatico é sotto controllo?Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Stefano Angelini
20% attività
0% attualità
0% socialità
MESTRE (VE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Buongiorno,
sebbene ci sia un certo effetto dei farmaci per l'erezione (tutti quelli che lei ha utilizzato) sull'eiaculazione precoce non si può certo dire che siano risolutivi. L'eiaculazione precoce infatti deriva dalla presenza di ansia da prestazione durante il rapporto e, semmai, avrebbe più effetto un ansiolitico che un vasodilatatore.
Il mio consiglio è quello di prendere in considerazione un consulto psicosessuologico così da permettere l'emersione di quelle difficoltà che con un farmaco non si possono superare.

Cordialmente
[#3] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno dott. Angelini, sono stato un suo paziente per un periodo non molto lungo, per cui mi ricordo le mie e le sue impostazioni.
Forse avranno fatto effetto solo in parte, perchè dipende anche da noi prendere l'iniziativa o subire quella degli altri.
In realtà non volevo consulti e non volevo farmaci,
volevo tirare avanti sapendo chi sono e magari prendere qualche integratore a base d'erbe perchè il farmaco mi destabilizza.
Ma da quanto dice il suo collega Izzo, neanche questi sono consigliati
se non si ha un quadro clinico del paziente.
Non mi resta che andare in erboristeria e chiedere quello che mi interessa.
Saluti
Buon lavoro