Utente 333XXX
Buongiorno, volevo chiedere un parere riguardo a una serie di problemi di salute che mi porto appresso da molto tempo. Premetto che fin da piccola soffro di una lunga serie di disturbi che non mi danno la possibilità di condurre una normale quotidianità (astenia, febbricola, dolori articolari cronici, dolore pelvico cronico, mal di testa, rigidità muscolare estrema, diarrea alternata a stipsi, ipersensibilità, continua infiammazione alle mucose, e molto altro). La mia famiglia ha sempre sminuito questi problemi, ritenendomi una bambina viziata e capricciosa, che fingeva di stare male per non andare a scuola. Lo stesso trattamento mi è stato dato, purtroppo, da molti medici specialisti, che sono arrivati a darmi della visionaria, e a dirmi che è tutto psicosomatico (soffro di depressione e prendo psicofarmaci, questo sembra sempre un valido motivo per dirmi che è tutto frutto della mia mente).
Fatta questa premessa, continuo con ciò che mi è successo ultimamente.
La scorsa estate ho avuto una forte ricaduta, seguita da dolori muscolari e articolari tremendi, eczema estremo su faccia, torace e arti, mucose fortemente infiammate, linfonodi a livello del collo molto grossi (oltre i 2 cm) e vertigini ai cambi di postura, soprattutto da seduta ad alzata. Ho fatto molti prelievi ed esami, ma non se ne è venuti a capo. L'unica cosa che saltava all'occhio erano i soliti indici di infiammazione alti (ves alta, monociti e neutrofili alti, proteina c reattiva molto alta). Due mesi fa sono stata ricoverata per una nevrite vestibolare acuta, sono stata dimessa ma tuttora ho violente vertigini e forti rumori all'interno delle orecchie. Ultimamente ho fatto un test per le intolleranze e, oltre a intolleranza di grado 2 a latte e grano, ho scoperto di avere un'intolleranza di grado massimo all'acido citrico, presente ovunque, dal cibo, ai cosmetici, ai prodotti per l'igiene e la casa. Vorrei fare il test genetico per sapere se si tratta di una vera e propria allergia, al di là di questo la mia domanda è: potrebbe essere questa forte intolleranza/presunta allergia la causa dei dolori e dei disturbi di una vita? Cosa posso fare per indagare oltre e in modo mirato?
Ringrazio per un'eventuale risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
devo anch'io fare una premessa dispiacendomi per il fatto che abbia percepito scarsa considerazione di un disagio - che è invece sempre motivo di attenzione e dei necessari approfondimenti; mi dispiaccio umanamente per la situazione in generale, sia di malessere fisico che di "sottovalutazione" familiare, e professionalmente per le mancanze della categoria di cui faccio parte.

Da quanto riferisce sembrerebbe opportuno che rivalutasse tutta la questione (portando in visione i risultati dei vari accertamenti svolti) in ambito immuno-reumatologico, comportandosi come se non avesse mai eseguito quel "test per le intolleranze".
http://www.medicitalia.it/minforma/allergologia-e-immunologia/1370-allergie-intolleranze-alimentari.html

Saluti e in bocca al lupo,
[#2] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno, La ringrazio molto per la risposta. Io stessa ero molto scettica riguardo a questo test, ma per curiosità ho provato a evitare gli alimenti e i prodotti indicati ed effettivamente ho notato molti miglioramenti, soprattutto per quanto riguarda i problemi intestinali e l'orticaria. Volevo chiederLe se, considerando la mia sintomatologia, può indicarmi eventuali accertamenti che posso fare. Purtroppo i medici che mi stanno seguendo non sanno aiutarmi, sto facendo continuamente accertamenti "random" senza però centrare il problema. Un medico reumatologo mi ha prescritto dei prelievi per verificare l'ipotetica presenza di artrite reumatoide, ma il fattore reumatoide rientra nei valori normali. Dopo aver letto i risultati e aver visto i referti, ha saputo solo dirmi, come tutti gli altri, che è un problema psicosomatico derivato dalla mia depressione, e che non c'era nulla da fare. Ovviamente non tornerò più da questa dottoressa. L'unico che si sta davvero battendo per scoprire la verità è il mio medico di famiglia, che però, nonostante l'impegno, non riesce a scoprire di cosa si tratti. Fra poco ho anche intenzione di indagare su una possibile endometriosi, infatti oltre a tutto questo soffro di grossi disturbi uroginecologici.
Se può esserLe utile, posso riportarLe alcuni prelievi e referti, sia recenti che passati.
Distinti Saluti