Utente 333XXX
Nel 2011 a mio padre venne diagnosticato un glioblastoma celebrale in mezzo al cervello quindi non operabile, abbiamo iniziato le cure che i medici hanno ritenuto piu opportune ed efficaci con degli ottimi risultati.Arrivati a novembre 2013 la massa si era ristretta moltissimo ma lui non si sentiva affatto bene e siamo stati tre giorni al pronto soccorso in attesa di un letto che non c'era. Alla fine anno fatto una tac dal quale risulta una massa tumorale che interessa il fegato,il colon e la vescica...
Adesso io mi chiedo come sia possibile che ad un malato oncologico in cura in una certa struttura ospedaliera non è stata fatta mai una tac total body?? Anche perche mio padre nel 2010 fece un ecografia al fegato e non aveva nulla, quindi è un problema che è uscito fuori dopo il tumore in testa.... a mia madre all'inizio di questa storia era stato detto che non serviva fare una tac total body in quanto il tumore che aveva in testa è primitivo e non produce metastasi, ok ma infatti a lui è uscito fuori un'altro tipo di tumore.Magari se lo scoprivano in tempo si poteva fare qualcosa,adesso è troppo tardi.... io non voglio accusare nessuno ma secondo me c'è stata molta leggerezza da parte dei medici, secondo voi?

Grazie Andrea
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Lombardi
24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Caro Andrea,
il glioblastoma non produce metastasi al di fuori del sistema nervoso centrale (cervello).. pertanto eseguire una TAC total body non è indicato.