Utente 316XXX
Buongiorno,
ho sempre sofferto di mal di testa, che però purtroppo non so classificare in quanto non mi sono mai fatta controllare. Diciamo che ci ho sempre convissuto, lavorando al computer tutto il giorno lo do abbastanza per scontato.
Ultimamente però, il mal di testa è peggiorato: sto vivendo una situazione di forte stress (che forse potrete intuire dai miei precedenti consulti), inoltre lunedì mattina sono addirittura dovuta tornare a casa dall'ufficio in quanto al mal di testa, posizionato sempre all'altezza della fronte, si erano sommate forti vertigini e nausea.
Mi sono recata dal mio medico di base che mi ha svolto un veloce controllo neurologico uscito negativo composto da:

- posizione eretta a occhi aperti e chiusi
- marcia sul posto a occhi aperti e chiusi
- seduta a braccia aperte, mi sono toccata la punta del naso con entrambe le mani, sempre ad occhi sia aperti che chiusi

Mi ha inoltre provato la pressione (normale tendente al basso, 100/70 circa), auscultato il cuore (tutto a posto).
Le ipotesi che sono state avanzate sono queste:

- peggioramento della mia miopia/astigmatismo,per cui visita oculistica e nuova prescrizione di occhiali.
- qualcosa a livello delle orecchie, in quanto pare che io abbia il "meato acustico" (mi scuso se il termine non è corretto) molto corto e che può infiammarsi. In effetti mi rendo conto che spesso, quando dormo sul fianco, mi sveglio con dei dolori lancinanti alle orecchie, che spariscono immediatamente dopo meno di 10 secondi da quando mi alzo.

Nel frattempo, mi ha dato levosulpride 15 gocce da prendere prima dei pasti per controllare i sintomi. Oggi sono tornata in ufficio dopo due giorni di malattia, ma la mia consueta ora di treno è stata veramente dura da sopportare, più che su un treno mi sentivo sulle montagne russe.

La mia domanda è quindi: concordate con l'iter visita oculistica - se non conclusiva visita ORL?
Gradirei un secondo parere solo perchè preferirei non fare visite inutili, con spreco di tempo e di soldi (miei e del SSN, ovviamente)

Grazie mille!
[#1] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La visita oculistica mi sembra utile, nel suo caso., anche se un problema visivo non puo' essere responsabile del sintomo riferito. Poi, penserei ad una visita neurologica, magari preceduta da una RM cerebrale con mezzo di contrasto, per escludere una vertigine emicranica. Mi farà piacere ricevere sue notizie in merito.
[#2] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
addirittura visita neurologica? ne parlerò col mio medico di base per farmi fare una prescrizione.
Devo dire che con il levosulpride va meglio, non ancora benissimo ma comunque il miglioramento c'è... può essere significativo? oppure è un farmaco talmente ad ampio spettro che in ogni caso ci sarebbe stato un miglioramento?
Grazie infinite per la sua risposta!
[#3] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Si tratta di u farmaco che cura piu' patologie. Nel suo caso dobbiamo avere necessariamente una diagnosi precisa, che per una specifica cura.
[#4] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
grazie ancora per la sua cortese risposta e per i chiarimenti. Sentirò il mio medico di base, spero di poterla riaggiornare a breve.
Buona giornata!