Utente 334XXX
Ho subito un intervento di cistopessi con l'inserimento di una rete prolift gynecare circa 2 anni e mezzo fa ...da allora ho cominciato un vero calvario ...da subito dopo ho cominciato a sentire il mio intestino attorcigliarsi ogni volta che compivo uno sforzo,dei linfonodi ingrossati all'inguine,dolori pubici...ma soprattutto con l'andare del tempo ho cominciato ad avere una continua dolenzia allo stomaco, come se avessi ricevuto un pugno, fosse passato il dolore acuto e mi rimanesse il risentimento doloroso di quel pugno con la sensazione di non riuscire a respirare,e la peggiore di tutte la sensazione costante di una cintura stretta sotto al seno...ho fatto molta diagnostica colongastroscopia, dalla quale è emersa una gastrite cronica e una candida esofagea per quanto riguarda lo stomaco e dei diverticoli e un colon esondante e molto gonfio per quello che riguarda la colonscopia ,poi risonanze magnetiche ed ecografie che hanno evidenziato molte aderenze intestinali e la vescica, che per via della rete,che sembra posizionata male, si è attaccata al collo dell'utero sono andata da urologi, gastroenterologi, internisti ma finora nessuno mi ha fatto una vera diagnosi ...sono disperata e sto facendo una vita da invalida
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Diverticoli, aderenze e d'olivo colon giustificano ampiamente la sua patologia.
Perchè ritiene che manchi la diagnosi?

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Intanto la ringrazio per avermi risposto ,ritengo di non aver avuto una diagnosi, perchè c'è molta vaghezza nell'attestare che tutta la mia sintomatologia dipenda dall'intervento, io devo sapere se la causa è stata l'intervento che ho subito ...la mia sofferenza merita almeno di saperlo.
In realtà io prima godevo di un'ottima salute e non avevo nessuno di questi problemi ...quindi non ho una colonscopia di prima dell'intervento ( a che scopo farla visto che stavo bene?) tutti gli specialisti ,che ho consultato, oltre a prescrivermi 1.000 medicinali, dai quali finora non ho ottenuto nessun risultato, mi hanno mai detto che i sintomi che io ora ho, siano dovuti all'intervento e nessuno finora mi ha consigliato di riintervenire chirurgicamente per eliminare questa rete! ma davvero devo rassegnarmi a fare una vita da invalida?e c'è qualcosa che io possa fare, se non per risolvere, almeno per attenuare questo incubo?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Occorre una attenta valutazione della diverticolosi,
che potrebbe essere suscettibile di correzione chirurgica,
come anche occorre valutare l'utilità di una adesiolisi (Rimozione chirurgica per via laparatomica o laparoscopica delle aderenze),

naturalmente non è possibile farlo a distanza,
deve trovare un bravo specialista che sappia
soddisfare i suoi giusti quesiti clinici.

Prego