Utente 334XXX
Salve. Ho 24 anni e da un paio di settimane sto notando una stranezza durante i rapporti che ho abitualmente con la mia partner da qualche mese a questa parte. I rapporti avvengono sempre e solo usando le precauzioni. Il problema, che non si era mai manifestato prima d'ora, consiste nel fatto che, poco dopo aver iniziato il rapporto, il prepuzio inizia a gonfiarsi in modo alquanto spropositato. Ciò non mi impedisce di continuare il rapporto, ma man mano che vado avanti il gonfiore diventa sempre più ingente. Il che, quindi, rende l'atto sessuale fastidioso in fasi più delicate, come l'introduzione. E' capitato un paio di volte, infatti, che al termine del rapporto mi accorgessi di una sorta di infiammazione o irritazione (non saprei come ben definirla) localizzata sulla parte superiore del prepuzio. Il gonfiore, tra l'altro, mi rende più difficile anche la rimozione del preservativo, nonché il ripiegamento del prepuzio sul glande (non sono circonciso).
Tengo a precisare che temo di avere un piccolo problema di frenulo che, a mio avviso, potrebbe essere corto: soltanto una volta, durante il rapporto, mi si è lacerato solo parzialmente; da allora, il frenulo non ha subito altri traumi. La mia impressione personale è che ciò potrebbe influire sul prepuzio, poiché la tensione del frenulo corto sarebbe esercitata sul prepuzio, il quale si ritrova schiacciato forse più del dovuto sotto il glande.
Spero in una vostra risposta.
Grazie!
Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
quanto ci descrive appare un edema del prepuzio. Da valutare il possibile ruolo causale del frenulo. Potrebbe essere utile che lei facesse delle autofotogtafie quando la situazione si manifesta, e si facesse successivamente valutare da un Andrologo.
Ci faccia poi sapere.
[#2] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Innanzitutto grazie per la risposta.
Le fotografie le ho già fatte quando mi è accaduto l'ultima volta. Gentilmente, se gliele mando in privato, può darci un'occhiata lei?
Per quanto riguarda la visita, ci avevo già pensato. Ma il problema è che, essendo studente fuori sede, non ho qui il mio medico di base. Inoltre le mie disponibilità economiche, al momento, sono alquanto limitate. Ci sarebbe la possibilità di effettuare una visita in ospedale, magari pagando solo il ticket? Cosa mi consiglia di fare?
Grazie mille!
Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Sicuramente si può avvalere di una visita in ospedale. Se crede mi invii pure le fotografie, ma le anticipo che un corretto giudizio clinico può essere espresso solo dopo averla vavalutata direttamente.
[#4] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Su quale indirizzo email posso inviarle le foto?
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Lo trova nel mio sito personale
[#6] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Perfetto, le ho inviato una mail. La visita in ospedale a Bologna (non so se è da preferire l'Ospedale Maggiore o il Sant'Orsola) può essere fatta anche senza la prescrizione del medico di base?
Grazie ancora!
[#7] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Dubito; penso debba proprio avere la prescrizione del medico di base.
[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore

se lei va in ospedale può richiedere una visita andrologica o urologica anche senza richiesta del medico.
E' evidente che lei dovrà pagare la visita per intero, non al prezzo del SSN. In genere nelle strutture pubbliche la differenza tra ticket e costo globale non è rilevante
cari saluti
[#9] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Salve. Scrivo di nuovo dopo qualche mese perché ho impiegato del tempo a valutare bene il mio quadro personale.
Sono stato in ospedale subito dopo che il problema si è manifestato (nonostante l'attesa di due ore circa e che, quindi, credo abbia quanto meno influito sullo stato di gonfiore del prepuzio). Mi è stata applicata una crema sul glande in modo da lubrificare e pulire. Mi è stato poi detto di consultare un dermatologo (al che, è seguita qualche perplessità da parte mia).
Mi sono rivolto al mio medico di base appena mi è stato possibile e mi ha consigliato un buon andrologo, il quale mi ha visitato e ha diagnosticato una parafimosi, seppur in forma non pesante. Entro qualche mese dovrei subire un intervento di circoncisione parziale.
In ogni caso, desidero ancora una volta ringraziarVi tutti.
Saluti!