Utente 323XXX
riscrivo qui perché è da diverso tempo che sono in paranoia.

premetto che ho un pene nella norma, in erezione se ricordo bene misura 17cm (è da parecchio tempo che non lo misuro) però adesso mi sono sorti dei dubbi.

per tre settimane ho provato il caverject con 9 iniezioni (troppe) come cura riabilititativa. ho una fuga venosa confermata da cavernosografia, all'inizio i farmaci anche se non mi aiutavano ad avere una erezione completa per avere un rapporto completo sentivo che avevano dato dei lievi miglioramenti come alcune erezioni spontanee mattutine cosa che non avevo da anni.
visto che volevo avere un rapporto con la persona che sto frequentando in accordo con l'andrologo provai il caverject. apparte l'ingrossamento del pene non ho mai avuto erezione da poter penetrare.
dopo 4-5iniezioni ho incominciato a sentire più flaccido e durante la masturbazione non raggiungevo la durezza che avevo prima oltre a perdere l'erezioni che avevo un po' recuperato....in più ho cominciato a sentire fastidio nella zona pelvica tra vescica e pene.
per diverse notti non sono riuscito a dormire per questa cosa e ogni volta che urinavo sentivo il mancato svuotamento della vescica e di corpo andavo poco...più una eiaculazione meno potente...avevo un senso di noia e pesantezza. preoccupato di una possibile fibrosi in atto ne parlai con l'andrologo dicendomi che il fastidio che avevo non derivava dalle punture ma per sicurezza mi feci dare degli antinfiammatori più vitamina E.

2 settimane fa ho svolto un secondo ecodlopper dinamico per essere più sicuro sullo stato del mio pene e ha dato esito negativo confermando sempre la fuga venosa. guardando la vescica il dottore ha notato delle calcificazioni di poco superiori alla norma dicendo che era una prostatite.
fatto anche spermicultura e urinocultura negative tutti e due.
arrivato ad oggi adesso urino come prima, durante la masturbazione raggiungo una erezione come prima stessa cosa quando eiaculo e il fastidio è diminuito molto però sento sempre qualcosa di diverso nella zona del pene.

alcune volte lo sento un po' freddo e da moscio lo vedo rimpicciolito specialmente in circonferenza . da moscio ho sempre avuto un pene normale però lo vedo un po' più piccolo rispetto a prima e sono andato in paranoia totale. non mi dono mai fatto problemi di un pene piccolo ma adesso stanno venendo fuori!

aggiungo che di natura l'ho sempre avuto un pochettino incuravato verso sinistra (da piccolo mi masturbavo sempre col destro) e dopo queste iniezioni ho percepito un incurvamento durante l'erezione sempre a sinistra cosa che prima non mi sembrava di avere.
durante l'erezione completa però mi sembra che sia come sempre......la diversità l'ho notata a pene moscio nel fastidio e questo rimpicciolimento .........durante l'eiaculazione non provo dolore anche nell'erezione.

ho provato il caverject per migliorare le cose ma ho paura di averle peggiorate anche se il secondo ecodlopper ha dato esito negativo.

ho paura non vivo più

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,è evidente che vi sia una crisi di fiducia verso lo specialista,per cui le consiglierei di consultarne un altro o di fermarsi e riflettere.Personalmente ho dei dubbi sulla giustezza della strategia diagnostica e terapeutica fin qui seguita.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
ne ho sentiti altri e sostanzialmente tutti mi hanno detto le stesse cose (compreso psicologo). alla mano esami negativi, visita tattile del pene....secondo loro tutto nella norma.....apparte la fuga venosa.
stato personale ansioso, depresso, stressato, sono innamorato di una persona ma sto malissimo perché non posso fare la cosa più bella del mondo...l'amore.

tutti mi hanno consigliato di fare questa tecnica di scleroembolizzazione non invasiva radiologica della fuga venosa. in europa mi hanno detto che la usano in pochissimi, è una tecnica poco conosciuta anche se viene applicata da diversi anni con buoni risultati rispetto alla "vecchia maniera chirurgica".
qui in italia la eseguono 2 centri da quello che ho sentito.... uno nella città dove abito io ed è partita da qui.

sono a pezzi non vedo futuro la parola protesi mi mette i brividi......ho paura che l'intervento alla fuga venosa vada a peggiorare le cose ma è l'unica soluzione per evitare la protesi.......non vivo più faccio un lavoro a contatto col pubblico e ogni giorno vado avanti a fatica............piango in camera mia vedo gli altri andare avanti e io no.....in più vedo il mio pene rimpicciolito con conseguente sindrome. il percorso che ho fatto fino adesso è stato solo per migliorare ma ho paura di avere pregiudicato le cose........il tempo passa e io rimango sempre più solo