Utente 325XXX
Gentili medici,sono una ragazza di 25 anni e assumo Inderal da un anno nella dose di 1/4 la mattina e 1/4 la sera per tachicardia sinusale
Ho letto che uno degli effetti collaterali di Inderal è il blocco atrioventricolare.E' cosi?E' pericoloso assumere tale farmaco?
Inoltre è possibile interrompere l'assunzione?Cosa si rischia?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il dosaggio di Inderal da Lei assunto è decisamente basso, e molto difficilmente causa disturbi della conduzione, specie quando si tratta di pazienti giovani con cuore strutturalmente sano. Comunque, per escludere l'insorgenza di un blocco atrioventricolare è sufficiente sottoporsi periodicamente ad un elettrocardiogramma, e in ogni caso il riscontro di un blocco AV di I grado non controindica la prosecuzione della terapia.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la risposta. Io non ho più effettuato ecg..l'ultimo risale a più di un anno fa. Dovrei farlo quindi?
Inoltre la mia tachicardia sinusale era stata attribuita ad ansia..Adesso che sto meglio se sospendessi la terapia,ovviamente gradualmente e seguita dal medico,che effetti potrei avere?
Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Se è più di un anno che assume l'Inderal, ed in questo frattempo non ha mai eseguito un ECG, direi proprio che è giunto il momento di farlo!
Per quanto riguarda l'eventuale sospensione della terapia, è necessario che la decisione venga presa dal cardiologo di fiducia (magari in occasione del prossimo ECG) il quale Le spiegherà tempi e modi per una corretta esecuzione della sospensione stessa.
Cordiali saluti