Utente 335XXX
Gentile dottore, quelche anno fa ho avuto un nefroblastoma al rene sx trattato con nefrectomia parziale. Dopo un lungo iter, alla fine, la guarigione è arrivata e la situazione viene tenuta sotto controllo periodocamente. La mia curiosità è: un rene che ha ricevuto questo tipo di trattamento, nel corso del tempo, potrebbe incontrare complicazioni maggiori nello svolgimento delle sue funzioni, rispetto al rene non trattato? Oppure, una volta ripresa la corretta attività, può considerarsi uguale all'altro,(funzionalità e rischi inclusi) ?
La Ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
la parte residua del rene operato ha presumibilmente una funzione normalissima, ma partecipa in modo minore alla funzione renale globale, non foss'altro perché è senz'altro volumetricamente più piccolo. Non vi sono presupposti per pensare che la situazione andrà a modificarsi in futuro. lei sarà comunque seguito sempre con una certa attenzione, cosa che la porterà nel corso della sua vita ad eseguire controlli (oggi ecografici, in futuro chissà ...!) che saranno in grado di individuare tempestivamente l'insorgenza di eventuali alterazioni.

Saluti

[#2] dopo  
Utente 335XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dottor Piana,
la ringrazio di cuore per la sua risposta e disponibilità. Era un dubbio che, nonostante i controlli (ecografie, scintigrafie, GFR, ecc...) e i risultati fino ad ora incoraggianti, permaneva. La ringrazio ancora.
Augurandole buon lavoro, cordialmente la saluto.