Utente 148XXX
Buongiorno a tutti,
a seguito di un dolore nella parte della mandibola (zona destra) avvenuto due volte in due mesi il medico curante mi ha prescritto una panoramica, sostenendo che poteva trattarsi del trigemino ma forse anche di altro.
Purtroppo il mio dentista è in vacanza in questo periodo e torna tra due settimane. L'esito è "parzialmente inclusi il 17 e 18, incluso il 48. Non evidenzia immagini riferibili a granulomi in sede perapicale, aree di radiotrasparenza a livello corone 17 e 18". Il dolore mi è passato cmq dopo tre gg, non avendo mai sofferto di dolore ai denti non capisco se effettivamente poteva essere anche un "colpo d'aria"; volevo chiedere gentilmente un vostro parere.
Grazie
P.R.
[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
purtroppo ci manca la visita per darle risposte corrette e quindi possiamo fare ipotesi
-la parziale inclusione dentaria potrebbe provocare un processo infiammatorio in grado di provocare i disturbi da lei riferiti come pure un disturbo articolare a livello dell'articolazione temporo-mandibolare
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio Dottor Finotti, a dire il vero la situazione di questi denti è così da molti anni (ne ho 49) , potrebbero verificarsi problemi lo stesso ?
[#3] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
non trascurerei la presenza di "aree di radiotrasparenza a livello corone 17 e 18": è probabile che la malposizione abbia favorito l'insorgenza di carie a carico del 2 e 3 molare superiore di destra,da cui la sintomatologia dolorosa, talvolta anche simile a quella di una nevralgia trigeminale.
Ovviamente è necessaria la visione diretta ed ispezione con specillo ed eventualmente di una rx endorale della zona per un migliore dettaglio.
Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Da ciò che è refertato si potrebbe supporre un problema a carico dei denti superiori, ma questo, come giustamente affermato dal dr. Palomba, deve essere avvalorato da una visita ispettiva clinica che solo presso uno studio può effettuare.
Saluti
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
leggendo quanto lei scrive, forse è bene chiarire alcuni aspetti.
L'eruzione di un dente è la comparsa, attraverso la perforazione della gengiva, della sua parte coronale all'interno del cavo orale. Di contro l'inclusione è la mancata eruzione del dente, che può essere totale (la gengiva non viene per niente perforata), oppure, come nel suo caso, parziale (solo una parte della corona del dente fuoriesce nel cavo orale mentre la restante parte rimane coperta sotto la gengiva).
Contrariamente a quanto si possa pensare, l'inclusione parziale è una situazione più sfavorevole di quella totale in quanto la parziale lacerazione della gengiva favorisce la penetrazione di residui alimentari e batteri sotto la stessa e quindi in una zona difficilmente detergibile dal paziente. Quindi la parziale inclusione di elementi dentari è una situazione che molto spesso si associa con stati di infiammazione cronica del parodonto del dente, ossia la superficie tra osso e dente per intenderci, ed un maggior rischio di carie degli elementi dentari stessi.
In conclusione, questo significa che, in un ambito di prevenzione razionale e corretta, un elemento dentario in inclusione parziale va sempre tenuto sotto controllo per prevenire qualsiasi problematica che può sempre instaurarsi a prescindere da quanto tempo (per rispondere direttamente alla sua domanda) sussista tale situazione.
Cordialità