Utente 170XXX
Salve

Soffro di extrasistoli gia da un paio d'anni. Ma nonostante nel 2005 e nell'estate del 2012 ho fatto visite cardiologiche complete (ecodoppler e ECG), tutti risultati negativi, mi faccio prendere sempre dalla paura, e da mille pensieri che affollano nella mia testa, tra cui infarto o arresto cardiaco..
Ultimamente sono morte delle persone vicino(non in famiglia, ma amici) a me. Un ragazzo aveva una patologia cardiaca fin da bambino (fra cui lo spessore esterno del cuore più spesso del normale), e aveva 19 anni.. Un altro ragazzo, morto stamane, di infarto, nel sonno. Avrà avuto 30 o più anni.. Ed era sano come un pesce (aveva fatto degli esami, ed era tutto apposto)..
Io, sporadicamente, ho qualche extrasistole, a riposo.. A novembre è capitato di avere una giornata un treno di extrasistoli, e son dovuto correre al pronto soccorso perchè sono andato in tachicardia e in panico. ECG ok. Diagnosi "stato d'ansia".
Si, sono molto ansioso, fin da bambino. Ultimamente ho sofferto molto d'ansia, respiro affannoso, pensieri, bolo isterico, nervi tesi del collo, dolori sparsi qua e la che diventavano "enormi" solo a pensarci.
Da qualche giorno sto meglio, ma non riesco a non pensare ad una imminente extrasistole.. E quando sento le notizie delle persone giovani che muoiono per infarto o arresto cardiaco, mi viene una paura incredibile.. Ho paura..
La domanda è : è possibile, nel mio caso, un attacco di cuore/infarto? Ho 22 anni, e pratico sport 2/3 volte la settimana.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
LA morte improvvisa colpisce 70.000 italiani l'anno, 200 persone al giorno.
Nei paesi occidentali colpisce 1 persona su 1000 viventi ogni anno.
Queste sono le cifre.
Non sempre questa accade in cuori "malati" ma puo' avvenire in cuori anche sani o transuitoriamente ammalati (es miocarditi).
La sua paura e' tuttavia notevole e quindi patologica ed e' opportuno che lei ne parli con il suo medico per valutare la opportunita' di una terapia ansiolitica .
Arrivederci